Virtus Avellino, il presidente Petrozziello: “Finalmente il calcio riparte”

La Virtus Avellino 2013 si appresta ad affrontare il suo quarto campionato di #EccellenzaCampania consecutivo con lo spirito, la determinazione e le ambizioni che da sempre contraddistinguono il sodalizio sportivo guidato in tandem da Stefano Salvati e Fabio Petrozziello.

Quarta stagione nel massimo campionato dilettantistico regionale, ma una programmazione da società professionistica, quella della #VirtusAvellino che da 7 anni può vantare uno dei settori giovanili più articolati, strutturati e attrezzati del panorama calcistico della Campania con oltre 200 tesserati impegnati nei principali campionati regionali di categoria, dalla #Juniores élite agli #Allievi Regionali, dagli #Esordienti ai #Giovanissimi.

«Nonostante la battuta d’arresto imposta a tutto il settore dall’emergenza Covid-19, il Calcio finalmente riparte e la Virtus Avellino riprende la sua marcia sui due fronti che l’hanno sempre vista protagonista: il campionato di Eccellenza regionale e il Settore giovanile» spiega il presidente virtussino Fabio Petrozziello che ha riabbracciato i suoi ragazzi nel raduno di San Michele di Serino, tana bianconeroverde anche per la preparazione atletica di tutti i settori per la stagione 2020|2021.

Qui i 31 atleti convenuti alla corte di mister Gianluca #DellaRocca hanno potuto mostrare le loro doti umane e calcistiche e mettersi in luce per il prosieguo della stagione. Alcuni di questi – due per l’esattezza – possono essere derubricati alla voce “volti nuovi” nell’ambiente virtussino: Kavin #Giorgio, punta centrale dal fisico esplosivo, classe ’98 nato a Eboli che nella prima uscita stagionale contro il Solofra ha messo a segno la sua prima doppietta virtussina e Simone #Barzaghi, mezz’ala classe 2000, ricercatissima da moltissime squadre di Eccellenza dopo aver disputato un ottimo campionato lo scorso anno che andrà a sopperire alla partenza di Piergiuseppe Saginario che per motivi di famiglia ha dovuto abbandonare il ritiro di San Michele di Serino.

«Abbiamo immaginato pochi innesti mirati per andare a colmare le fisiologiche perdite che si sono avute con l’addio di Merola e Lippiello. Con Giorgio e Barzaghi offriamo al mister Della Rocca una rosa di spessore che potrà fare bene nel prossimo campionato di Eccellenza – sottolinea Petrozziello che aggiunge – La maggior profondità della rosa invece è data dai talenti del settore giovanile che sono stati promossi in prima squadra dopo aver disputato un’ottima annata nello scorso campionato e che hanno avuto già modo di testare gli scarpini sui campi dell’Eccellenza con i nostri colori».

Ma per Fabio Petrozziello, il vero valore aggiunto di quest’anno siederà in panchina. Si tratta ovviamente di mister Gianluca Della Rocca che dopo aver preso confidenza con il massimo campionato regionale lo scorso anno, adesso è pronto a guadagnarsi il palcoscenico alla guida della compagine virtussina: «Gianluca sarà il nostro top player e sono sicuro che grazie alla sinergia maturata con tutto il suo staff che si è arricchito ulteriormente con l’ingresso di Simone Bergamino, il nostro match analist, saprà dare quel valore aggiunto a tutta la rosa».

Lo straordinario lavoro dello Staff tecnico e societario ha trasformato negli anni la Virtus Avellino in una squadra con una ossatura ben precisa, rodata e affidabile guidata dal indiscusso capitano Marco #Lattarulo, al quarto anno con la Virtus e ai veterani Antonio Pasquale #DeMatteis, presente in tutte le categorie con la maglia bianoneroverde, Carmine #Cucciniello, direttore d’orchestra del centrocampo bianconeroverde da sempre e Francesco #Ripoli che quest’anno si aggregherà alla squadra da inizio campionato.

Con loro ci saranno Alessio #Giobbe, Luigi #Genovese, Vincenzo #Petriccione, Marco #Gaita, Antonio #Tozza, Giuseppe #DAvella e Fabio #DaSilva che nello scorso campionato hanno dimostrato di essere giocatori di categoria superiore offrendo ognuno il proprio prezioso contributo al prosieguo del campionato.

«Le promozioni sul campo di tanti ragazzi rendono la Virtus Avellino una delle squadre più giovani del panorama campano e una delle società più attente alla valorizzazione dei talenti in erba del territorio. Un motivo di grande vanto che ci obbliga a maturare sempre più una grande attenzione e una grande responsabilità nei confronti di tutti i nostri tesserati – prosegue Fabio Petrozziello – Per noi la dedizione, lo spirito di sacrificio e il lavoro vengono sempre premiati. Lo hanno capito molti tra i migliori giovani della provincia che hanno trovato posto in pianta stabile in prima squadra lo scorso anno e adesso si candidano ad essere protagonisti per la nuova stagione. Penso a Valerio Parisi, portiere classe ’02 che ha disputato un intero campionato di Eccellenza da titolare o ai vari #Nicodemo (’01), #DellaRoccaJr (’02) e Salvatore #Cucciniello (’03) che hanno sempre risposto presente per lunga parte della stagione».

La fucina della Virtus Avellino, inoltre, può vantare dei grandi risultati personali coronati dagli approdi tra i Pro di due dei suoi elementi migliori come Carlo #Biancullo, portierone classe 2002 accasatosi alla Reggiana e Gianmarco #Mariconda, attaccante di 18 anni che quest’anno si è aggregato in pianta stabile all’interno della U.S. Avellino per il campionato di Lega Pro. Senza dimenticare gli altri profili interessantissimi passati al settore giovanile dell’Avellino Calcio come #Candela (2003), #Villaricca e #DeMaio (2004) e il centrale #Coppola (2004).

«Proprio perché crediamo nel sacrificio, nello spirito di abnegazione e nel talento disciplinato dal lavoro, crediamo sia doveroso offrire ai nostri giovani migliori la possibilità di fare il salto di categoria e provare a vivere da protagonisti maturi e consapevoli il passaggio tra i professionisti – conclude Petrozziello – La Virtus si conferma palestra di vita e cantera calcistica di prim’ordine».

Quello della #cantera è da sempre un aspetto primario nello sviluppo di una società che, nata nel 2013, ha le idee molto chiare. Non è un caso che in quel di #Serino nelle prossime settimane aprirà una foresteria per ospitare i primi 4 ragazzi provenienti da fuori provincia. Sarò un alloggio dove sentirsi a casa e coniugare al meglio le fasi di studio e di allenamento sotto la supervisione di un tutor.