Us Avellino, D’Agostino: “La recompra non ci spaventa. Vogliamo essere protagonisti”

Il presidente dei biancoverdi Angelo Antonio D’Agostino parla dei play-off e della scelta di disputare gli spareggi promozione: “Era da tempo che avevamo deciso di esserci. Partecipiamo con convinzione, non solo per il blasone, ma perché crediamo nelle nostre capacità.

Saranno delle partite secche, potremo giocarcela alla pari con l’avversario. La squadra è forte e lo ha dimostrato. Se abbiamo preso il club è perchè vogliamo salire di categoria.

Speriamo di riuscirci il prima possibile. Il budget della prossima stagione lo stiamo modificando di volta in volta, impegneremo parte delle risorse sul settore giovanile. Dobbiamo capire dopo la Pandemia il mercato come funzionerà”.

Su Parisi: “Verrà sicuramente riconfermato, è un calciatore di spessore. Fa anche piacere che lui realizzasse i suoi sogni, dispiacerebbe perderlo. Per i rinnovi contrattuali, se ne occuperanno il direttore e l’allenatore. Vado avanti con Di Somma e Capuano”.

Sugli sponsor: “Le aziende si muovono se hanno ricavi, altrimenti vengono meno. Essendo un imprenditore capisco bene il momento. Speriamo che tutto passa in fretta e si torni alla normalità.

L’assenza dei tifosi: “Giocare a porte chiuse non è bello. Per noi è un problema, i nostri tifosi sono una forza importante. Ma non è colpa di nessuno. Speriamo di averli con noi presto e che si giochi a porte aperte magari già a dicembre”
Sullo stadio: “Pensiamo ad un impianto di proprietà e a migliorare, nel frattempo, il Partenio-Lombardi.

La recompra in favore della Sidigas? “Non ci spaventa. Un pò di rischio c’è ma non ci preoccupa”.