Us Avellino, Braglia: “Torniamo dopo un lungo stop. Dobbiamo fare il possibile per restare attaccati al carro…”

Piero Braglia tecnico dell’Avellino, non si piange addosso. L’allenatore ex Juve Stabia e Cosenza, ama lottare e nonostante una squadra decimata guarda con ottimismo alla partita di domani: “Abbiamo un problema con il Covid che ci portiamo indietro da un po’. Torniamo in campo dopo 20 giorni e speriamo di farlo positivamente. Siamo attesi da un mese difficile con otto partite da giocare e dobbiamo fare il possibile per fare risultati e restare attaccati ad un carro. Con l’auspicio che anche la sfortuna ci lasci un poco in pace”. Sulla Ternana capolista: “La squadra di Lucarelli gioca molto bene. Ha una facilità nel fare gol impressionante. Ha avuto la fortuna di non essere mai stata toccata dal virus, ha sempre ottenuto il risultato, giocando tutte e dodici le partite. Purtroppo ci troviamo in un campionato che viene deciso sempre dal Covid”. Sui positivi in casa biancoverde: “I ragazzi si sono sempre comportati bene e per questo dispiace ancora di piu'”. In merito alla squadra: “L’unico che fisicamente mi dà problemi è Bruzzo. Nikolic e Dossena si sono allenati per tutta la settimana e sono pronti. Abbiamo recuperato Rizzo e Marco Silvestri che hanno disputato due allenamenti. Dobbiamo riprendere il nostro percorso. Noi fino ad ora abbiamo fallito 10 minuti con la Turris e sbagliato la gara contro il Catanzaro. Ora dobbiamo ripartire”. Sul Catania: “Ha avuto un rendimento altalenante ma è una squadra forte. Dobbiamo dare tutto per portare a casa il risultato”.