UNA VIRTUS INGENUA REGALA I TRE PUNTI ALLA PALMESE IN UN ROCAMBOLESCO 3-2

La VirtusAvellino pecca di ingenuità. Regala il primo tempo alla Palmese regalando il primo dei due gol ai padroni di casa. Domina nella ripresa. Ma resta in 10 per un fallo di reazione di Cucciniello e perde la gara al 96’.

Terza sconfitta consecutiva per gli uomini di mister Della Rocca (espulso nei minuti di recupero per proteste) che nel 2020 non è ancora riuscita a fare punti per smuovere una classifica che è tornata ad essere deficitaria.

La partita è molto bloccata nei minuti inziali e la prima conclusione arriva al 13′ con una girata di Cozzolino che però finisce alta sulla traversa. Al 20′, però, passa comunque la Palmese grazie ad una grave amnesia della difesa virtussina che non riesce a spazzare via il pallone e offre a Ciccone il pretesto per metterla dentro approfittando dell’indecisione di Parisi e compagni. La Palmese addormenta la gara e colpisce al 38′ direttamente da calcio da fermo con Mascolo che di destro batte nuovamente Parisi per il doppio vantaggio. E negli ultimi 5 minuti del primo tempo, la Virtus che non ti aspetti. Azione verticale da manuale e Merola che scatta in linea bruciando in corsa capitan Romano. Viene atterrato. Rigore sacrosanto. Merola dal dischetto non perdona e accorcia le distanze prima del duplice fischio dell’arbitro.

La Virtus scende in campo con il piglio giusto e fa suo il pareggio al 57’. È ancora Merola ha far esplodere il settore ospiti virtussino involandosi sul filo del fuorigioco. Sterzata decisiva su Petrarca e sinistro a giro che toglie le ragnatele dal sette. L’inerzia della partita potrebbe cambiare in favore degli ospiti, ma il tiro di Cucciniello colpisce la parte altra della traversa dopo una deviazione di Santangelo non ravvisata dall’arbitro. Ed ecco la seconda ingenuità della gara per gli irpini che al 63′ perdonoCucciniello per fallo di reazione su Petrarca. La partita si infiamma, viene ammonito Cozzolino per reiterate proteste al 65′. Al 67′ primo cambio del match: esce Buscé ed entra Esposito. Al 69’ viene ammonito anche Parisi. Al 73’ giallo anche per il neo entrato Palumbo (sostiuisce al 19’ l’ex Cioffi) per fallo su Gaita. L’azione prosegue e Merola per poco non fa tripletta. Il suo tiro viene deviato in angolo dal muro difensivo. Escono Vilardi e Olivieri per Medina e Prevete. Al 78’ risponde la Virtus con Modano che entra al posto proprio di Merola infortunato.L’arrembaggio della Palmese chiude i bianconeroverdi nella propria area di rigore ma non produce i risultati sperati. Mister Della Rocca al 80’ siede in panca un evanescente Da Silva per Nicodemo che va ad ingrossare la retroguardia virtussina. La gara si avvia verso la conclusione ma i 6 minuti di recupero offrono un’ultima speranza per i padroni di casa. Brividi al 91’ quando Mascolo colpisce la parte alta della traversa, ma è solo al 65’ che la Palmese riesce a tornare in vantaggio proprio con capitan Romano lasciato solo di inzuccare la palla del 3-2 finale.