Trovato impiccato ad un albero, un’altra vittima del mal di vivere in Irpinia

Il male di vivere colpisce ancora e, questa volta, a Mirabella Eclano.

Un uomo, ritornato da qualche tempo dal Venezuela, è stato ritrovato cadavere dai familiari impiccato ad un albero in un podere a poca distanza dalla caserma della Compagnia dei Carabinieri diretta dal capitano Domenico Signa.

Nessuno immaginava che l’uomo, emigrato in cerca di fortuna, covasse un simile malessere fino all’altra sera quando è uscito di casa senza farvi più ritorno.

Una scena agghiacciante che lascia l’intera comunità nel dolore e nel silenzio.

La salma del 49enne, posta sotto sequestro, è stata trasferita presso l’obitorio dell’ospedale Moscati di Avellino per l’esame necroscopico disposto dall’autorità giudiziaria.

Gli inquirenti stanno cercando di ricostruire la dinamica della disgrazia e risalire al movente che ha spinto D.G. a compiere l’insano gesto.

La notizia è stata riportata da Il Mattino.