Spari in piazza a Cervinara: l’aggressore si costituisce e racconta la sua versione

Spari in piazza a Cervinara: si è costituito l’uomo che ha esploso diversi colpi, due giorni fa, nella centralissima via Napoli.

Il 20enne, lunedì pomeriggio, è entrato in un bar della suddetta strada affrontando verbalmente un suo coetaneo che poi avrebbe trascinato all’esterno.

Dalle parole, i due, sono passati ai fatti. Spintoni, pugni e calci poi una pistola comincia a sparare provocando terrore tra i presenti che si erano portati fuori dal locale per vedere cosa stesse accadendo.

Sarebbero sei i colpi di arma da fuoco esplosi. Fortunatamente, la tragedia è stata sfiorata anche perchè a quell’ora, nella strada che collega Cervinara con Rotondi, c’è molto traffico.

G.S., queste le sue iniziali, a distanza di poche ore dal fatto, si è costituito ai carabinieri della stazione di Cervinara che avevano avviato le indagini con i colleghi della stazione di San Martino Valle Caudina e del Nucleo Operativo della Compagnia di Avellino.

Il giovane ha raccontato ai carabinieri che tra lui e la persona aggredita i rapporti sarebbero tesi da qualche tempo e qualche giorno fa, N.I. gli avrebbe danneggiato seriamente l’autovettura.

I carabinieri del reparto investigazioni scientifiche, stanno cercando di ricostruire anche la traiettoria dei colpi anche per stabilire se G.S. abbia sparato solo per intimidire come ha detto o se N.I. è rimasto illeso per un miracolo.