Sentenze pilotate: nuova misura cautelare per il giudice Mauriello

Inchiesta Ground Zero 2: in data odierna i militari della Guardia di Finanza di Salerno hanno dato esecuzione alla misura cautelare ai domiciliari per il giudice tributario di Salerno, Antonio Mauriello. Il giudice irpino, già ai domiciliari (arrestato nell’ottobre dello scorso anno), è accusato del reato di corruzione in atti giudiziari.

Di seguito, la nota della Procura:

”A seguito delle dichiarazioni eteroaccusatorie rese in sede di interrogatorio da parte di due indagati, sottoposti a provvedimenti restrittivi, sono stati acquisiti gravi indizi di colpevolezza, riscontrati anche da acquisizioni documentali, inerenti altri due accordi corruttivi relativi a contenziosi tributari pendenti innanzi alla Commissione Tributaria Regionale.

Nello specifico, l’indagato, sottoposto a provvedimento cautelare, mentre nella precedente ordinanza aveva assunto il ruolo di “mediatore” nell’iter corruttivo per ricorsi pendenti innanzi alla Commissione tributaria Regionale, nelle odierne contestazioni è risultato essere relatore delle pronunce illecite e, in quanto tale, direttamente destinatario di due dazioni di denaro di 5mila euro ciascuna, ricevute in cambio della pronuncia favorevole al ricorrente per un valore complessivo dei contenziosi pari a circa un milione di euro”.

“Tengo a precisare che l’ordinanza non riguarda un nuovo “filone” di indagini, ma due nuove contestazioni che il mio assistito ritiene infondate – ha spiegato Raffaele Tecce, difensore del giudice –  in quanto prive di idonei riscontri rispetto ad un coindagato che lo accusa. Ovviamente,  riponiamo grande fiducia nella magistratura e siamo convinti di poter chiarire, non solo questi episodi in contestazione, ma l’intera vicenda”.