SCUOLA, SCALFI (IST. VERONESI): “SANITÀ E CURE PSICOLOGICHE DEVONO ENTRARE NEGLI ISTITUTI”

[Comunicato stampa Istituto Veronesi]

“Abbiamo sentito la mancanza di una sanità vicina durante la pandemia: non abbiamo potuto usufruire di servizi essenziali per la prevenzione e la tutela delle persone più fragili tra studenti e insegnanti, che hanno subito gli effetti gravi del lockdown” lo dichiara Laura Scalfi, Direttore Generale dell’Istituto G. Veronesi e di Liceo STEAM International, intervistata a Radio Radicale. “Le scuole” continua il Direttore Generale “hanno patito gravemente la mancanza di un presidio psicologico costante. Il fatto di poter avere, con una medicina di prossimità, l’accesso alle cure anche all’interno delle scuole sarebbe stato un punto importante. Perfino l’accesso ai percorsi di logopedia è spesso difficoltoso e spostare l’assistenza in un contesto più facile e familiare come la scuola sarebbe un contributo fondamentale per il benessere e il corretto apprendimento degli studenti. Per quanto riguarda i vaccini” conclude Scalfi “abbiamo chiesto di poterli effettuare, per adolescenti e bambini accompagnati dai genitori, anche all’interno delle scuole, per agevolare la campagna vaccinale, ma le regole di privacy purtroppo oggi sono molto confuse e al contempo rigide. Ci sarebbe potuta e dovuta essere una pianificazione e una logistica più fluida nel rispetto dei cittadini e soprattutto degli studenti che sono il nostro bene più prezioso per costruire un’Italia migliore”.