Rissa in condominio, in tre in ospedale: ascoltata la teste

E’ stata ascoltata ieri, dal Giudice del Tribunale Penale di Avellino, la teste chiave del processo per rissa aggravata che si consumò nel 2015, nel quartiere Alvanite, ad Atripalda.

La violenta lite vide protagoniste due famiglie del posto facenti parte dello stesso condominio.

I due nuclei familiari vennero alle mani a causa di vecchi screzi. La rissa degenerò con l’utilizzo di un bastone di 50 centimetri, un cacciavite e altre armi da taglio che furono poi sequestrate dai Carabinieri a seguito di una perquisizione.

Tre delle cinque persone coinvolte nella rissa finirono al “Moscati” di Avellino e al “Landolfi” di Solofra con traumi, contusioni ed escoriazioni varie.

Ad avere la peggio fu una ragazza che con ferite sanguinanti al collo e alla testa e un uomo che venne colpito da infarto del miocardio.

Una nuova udienza è fissata per il prossimo febbraio.