Positivo il bilancio dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali della provincia di Avellino che è stato approvato all’unanimità

“In questi quattro anni – spiega il presidente dell’ordine Ciro Picariello – insieme al Consiglio abbiamo raggiunto molti  obiettivi con notevole impegno, sacrificando spesso gli interessi  personali. Ringrazio tutti consiglieri per come si sono dedicati senza badare ad orari e sacrificando i propri interessi. Siamo stati trasparenti in tutto, infatti è la prima volta che tutti gli iscritti hanno avuto il  bilancio consuntivo e preventivo a disposizione,  perché il consiglio ha utilizzato il criterio della massima trasparenza  e facendo  economia in tutte le nostre azioni”.

L’Odaf di Avellino ha investito in diversi servizi finalizzati a promuovere l’attività e la professione dell’agronomo.

“Sulla formazione – evidenzia Picariello – sono stati organizzati due importanti convegni. Il Festival dello Sviluppo sostenibile del 2019 che si è svolto presso l’ex Carcere Borbonico di Avellino. Un’ intera giornata che ha visto trattare temi importanti dello sviluppo sostenibile e della green economica, con l’esposizione di prodotti tipici di aziende locali e grande successo di partecipazione. Mentre il 19 febbraio 2020 c’è stato il convegno su Il verde possibile e protettivo presso l’Hotel De La Ville con l’intervento  della presidente nazionale Sabrina Diamanti”.

“Abbiamo – aggiunge Picariello – promosso il coinvolgimento degli istituti superiori e delle università della Campania e della Basilicata. Siamo stati protagonisti in eventi organizzati dalle aziende provinciali e abbiamo partecipato a manifestazione a livello regionale quali il convegno sul Fuoco Prescritto e al Salone del Vino che si svolse a Salerno. Non è mancata la nostra presenza a eventi nazionali quali XVII Congresso Nazionale dei Dottori agronomi e dottori forestali – Matera settembre 2019, dove abbiamo presentato  un video sulla sostenibilità per  promuove il territorio Irpino e la Festa Nazionale dell’Albero”.

Rafforzati i rapporti di collaborazione con il Comune di Avellino

“Partecipazione costante – evidenzia Picariello – nella commissione ambiente del comune di Avellino al fine del contenimento delle polveri sottili che da tempo attanaglia il Comune Capoluogo. Partecipazione attiva ai numerosi tavoli per l’adozione e la redazione del Piano del verde nella città di Avellino, con successo, visto che la redazione del Piano è stato affidato ad un agronomo”.

Rapporti di collaborazione anche con la Regione Campania

“Presenza costante e attiva – afferma Picariello – presso l’assessorato all’agricoltura per l’annosa vicenda PSR, instaurando una fattiva collaborazione da prima con il presidente alla commissione agricoltura Maurizio Petracca, ed oggi con l’assessore Caputo. Per il PSR abbiamo inviato diverse note per superare lo stato di stallo di alcune misure nel maggio del 2020. Abbiamo partecipato ad incontri e note per la nuova Legge Urbanistica della Regione Campania”.

L’Odaf ha dato il proprio sostegno alle filiere locali partecipando all’istituzione dei Distretti Agro Alimentari di vino, olio e nocciole. Contributo, anche, al progetto “L’oro irpino” per la valorizzazione dei grani antichi.

L’assistenza puntuale fornita agli iscritti per la richiesta dell’attivazione delle utenze SIAN per l’inserimento delle domande non connesse alle superficie da parte del referente e tesoriere dell’Ordine, Francesco Castelluccio, e delle smart card per la firma digitale predisposte con competenza dal consigliere Giuseppe Freda.

“Sono state redatte – spiega Picariello – le linee guida e il prezziario per i progetti di taglio che sono risultati molto utili ai professionisti che operano nel pubblico. Il consiglio si  è fatto carico di intervenire in tutti i casi in cui occorreva difendere la professione da altre figure professionali, che non avevano le competenze, in questo modo siamo riusciti  a far conoscere la figura dell’AGRONOMO   presso le amministrazioni pubbliche”.

Sono stati, inoltre, presentati i nuovi iscritti del 2021. I dottori agronomi Francesco Gargiulo di Avellino, Giuseppe Iandiorio di Montefredane, Mattia Caroppi di Ariano Irpino, Gaetano Cornacchia di Bisaccia e Agostino Giliberti di Montoro e il dottore forestale Vincenzo Volturo di Senerchia.

Nel corso  dell’assemblea si è svolto anche il webinar dal titolo “L’assicurazione professionale collettiva Conaf” al quale hanno partecipato la vicepresidente nazionale Marcella Cipriani che ha relazionato sull’assicurazione professionale, “Un obbligo per il professionista”  ai sensi del DPR 7/8/2012, n 137, descrivendo il tema della copertura del rischio e le sue caratteristiche. “Il professionista è tenuto a stipulare, anche per il tramite di convenzioni collettive negoziate dai consigli nazionali, idonea assicurazione per i possibili danni derivanti al cliente dall’esercizio dell’attività professionale, comprese le attività di custodia di documenti e valori ricevuti dal cliente stesso”, ha detto Cipriani. Ha, inoltre, spiegato il rinnovamento della piattaforma assicurativa professionale  e della riformulazione della piattaforma dell’incarico professionale.

La dottoressa Cipriani ha concluso la sua  brillante esposizione   rispondendo  alle numerose domande poste dai partecipanti al webinar, insieme alle referenti assicurative  dell’AON : Paola Abbate e Maria Enrica Buttarelli.

I  lavori  sono stati conclusi  con l’apporto prestigioso di Sabrina Diamanti presidente nazionale del CONAF  sempre presente e vicina a tutti gli iscritti, che ha evidenziato le  problematiche della nostra professione, l’importanza dell’assicurazione e la convenzione firmata  tra il CONAF e Italmercati.