PD Avellino, Di Guglielmo: “Prendo atto della sentenza”

Così il segretario provinciale del Partito Democratico di Avellino Giuseppe Di Guglielmo sulla sentenza del Tribunale che dichiara nulla la sua nomina 

“Prendo atto della sentenza del Tribunale di Avellino nella quale si dichiara la nullità e l’inefficacia del regolamento per l’elezione del Segretario e dell’Assemblea provinciale.
Il giudice ha ritenuto che il commissario nazionale dovesse trasmettere e far approvare alla commissione regionale di garanzia il regolamento congressuale, non bastava la sola commissione nazionale di garanzia».

Questo il commento, racchiuso in un comunicato stampa, dell’ormai ex Segretario Provinciale del Partito Democratico irpino, Giuseppe Di Guglielmo.

«La platea certificata degli iscritti – sottolinea Di Guglielmo – è regolare e non viene scalfita in alcun modo dalla sentenza, la regolarità delle operazioni di voto non viene contestata. Prendo atto della sentenza dunque, perché così si fa, senza commentare e senza aprire inutili fronti interni, valuteremo nelle prossime ore insieme ai mie legali se presentarci in appello. In questa esperienza tanto bella quanto difficile e faticosa, ci ho messo anima e corpo. Con tutte le forze ho provato a normalizzare il Partito Democratico in provincia di Avellino. Senza nulla a pretendere e senza mai chiedere niente. Ringrazio tutti coloro che mi hanno sostenuto e dato una mano in questi mesi. Da ora in poi mi aspetto che ci si confronti, finalmente, sui contenuti, sulle idee e sulle questioni è non più sulle beghe burocratiche».

L’ex Segretario Provinciale, poi, guarda al futuro del partito e saluta i militanti irpini:
Sono già in contatto con il partito nazionale che dovrà gestire l’ennesima fase delicata del nostro partito provinciale, affinché tutto si svolga nell’unico interesse della salvaguardia della dignità della comunità democratica irpina. Buon lavoro – conclude Di Guglielmo – a tutti i militanti irpini che in questi giorni dovranno dimostrare grande attaccamento e passione per affrontare questa fase».