Pasqua al museo in zona gialla. Stop definitivo allo sci

Nel rispetto del principio del «rigore» e della «massima prudenza» per arginare il virus e le sue mutazioni, Mario Draghi, su richiesta del responsabile della Cultura Dario Franceschini, dal 27 marzo apre i cinema e i teatri in zona gialla.

Dalla stessa data sarà anche possibile visitare i musei anche durante i week end (ma solo con appuntamento).

Il prossimo Dpcm regolerà la vita degli italiani fino a Pasquetta, e manterrà misure restrittive rigorose.

Lo sci e le settimane bianche resteranno proibite e sarà confermato il nuovo divieto (introdotto lunedì) di far visita a parenti e amici che risiedono in zona rossa.

Chi vive in zona rossa non potrà più andare dal parrucchiere o dal barbiere.

La riapertura di cinema e teatri il 27 marzo verrà confermata se la curva dell’epidemia lo consentirà: tra due settimane il Cts sarà chiamato a dare il via libera definitivo. E sempre il Cts dovrà dire se le scuole possono continuare (dove lo sono) a restare aperte.

Il nuovo Dpcm, inoltre, confermerà il coprifuoco, il divieto di superare i confini regionali, la chiusura di bar e ristoranti alle 18, lo stop a palestre e piscine, sale gioco sbarrate, sport da contatto vietati e introdurrà anche il divieto di svolgere fiere e congressi e di aprire le discoteche in zona bianca.