Parisi gioiello dell’Avellino voluto in biancoverde da Carlo Musa

di SaGi

Se l’Avellino oggi può contare su Fabiano Parisi è grazie all’ottima intuizione avuta nella passata stagione da Carlo Musa. Il giovane ds romano ha avuto il merito di riportare il pendolino di Serino nella terra che gli ha dato i natali.

Un giocatore, il giovane esterno biancoverde, che ha sfoderato contro la Vibonese, l’ennesima prestazione da incorniciare di questo torneo.

Perchè il gol, splendido, tutt’altro che semplice nell’esecuzione è solo una piccola parte di quanto fatto dal numero 18 irpino in quest’ultima giornata.

Quarta segnatura in campionato, terza di fila, per un elemento che nonostante i 19 anni, gioca con la grinta ed il carattere di un veterano. Capuano lo ha definito l’oro dell’Avellino e nessuno può contestare le parole del tecnico.

Un giocatore che merita applausi, così come Alessandro Di Paolantonio cercato e voluto da Musa in corso d’opera la passata stagione. Intuizioni importranti quelle del giovane direttore che è rientrato ad Avellino con la voglia di proseguire il lavoro interrotto pochi mesi prima, continuando il percorso iniziato con la vittoria di campionato e Coppa di D.