Obbligo di Green pass: pronta proposta per Draghi su massima estensione Qr code

Entro mercoledì, in Italia, sarà compiuto il primo passo verso l’estensione dell’uso obbligatorio del green pass.

La cabina di regia del Comitato tecnico scientifico, dell’Istituto superiore della Sanità e del ministero della Salute si riunirà nelle prossime ore per analizzare i dati.

Entro la fine del mese di agosto, i contagi risaliranno in maniera esponenziale, dunque, vaccinarsi sarà fondamentale.

Ricordiamo che sono 34 milioni gli italiani che hanno ricevuto la prima dose di siero anti Covid-19 (58%) e 26 milioni che hanno completato il ciclo vaccinale (45,2%).

Tuttavia, la campagna vaccinale ha subito un forte rallentamento e 2,4 milioni di over 60 sono ancora da immunizzare, oltre ai giovani diventati le vittime predilette della variante Delta (l’età media dei contagiati è scesa a 28 anni).

I tecnici del Cts, dell’Iss e della Salute suggeriranno, quindi, un’estensione ampia del green pass, é per scongiurare nuove chiusure in vista dell’impennata dei contagi, é per spingere l’acceleratore sulla campagna vaccinale.

Chi disporrà del codice Qr potrà andare al cinema, a teatro, allo stadio, potrà viaggiare su un treno, una nave, un aereo, potrà allenarsi in palestra. Chi invece rifiuterà il vaccino, dovrà sottoporsi a tampone volta per volta.

La sintesi spetterà al premier Mario Draghi che, dopo il verdetto dei tecnici, riunirà la cabina di regia della maggioranza.