‘Niente è perduto per sempre’ di Gallicchio è nella rosa del Premio Letterario Internazionale di Viareggio

Gallicchio: «È una bella soddisfazione che mi ripaga di tanti sacrifici»

La notizia è stata diffusa con una nota ufficiale pubblicata sul sito del premio: 9 gli autori selezionati che concorreranno a formare la terna dei finalisti che verrà annunciata nel corso di una conferenza stampa il 3 luglio dalla giuria presieduta dal giornalista, saggista e storico Paolo Mieli.

“Essere nella rosa del Premio Viareggio, uno dei più importanti nel panorama letterario internazionale, commenta il giornalista e scrittore Pasquale Gallicchio, è una grande emozione. Ora posso dirlo: è uno dei sogni che mi accompagna da quando, in giovane età, ho iniziato a dedicarmi alla scrittura letteraria. Far parte di una rosa nella quale figurano autori e case editrici di prestigio è una bella soddisfazione che mi ripaga dello sforzo creativo messo in campo per portare a termine un’opera che coniuga il tema della gestione del morbo di Alzheimer con i sentimenti di chi ritorna a vivere nel nostro Sud Italia. Ringrazio la casa editrice Delta 3 per avere creduto in questo progetto e quanti fino a oggi mi hanno sostenuto leggendo “Niente è perduto per sempre”, incoraggiandomi e facendomi sentire parte di una comunità che ha ancora tanto da dire e da dare”.