Movida e spiagge affollate, l’Oms: “Attenzione, il peggio deve ancora venire”

Gli assembramenti in Italia continuano e l’Oms dichiara: “Il peggio deve ancora arrivare, non bisogna abbassare la guardia”.

Sì, perché la pandemia da coronavirus non è affatto finita. Ora come ora, siamo nella fase più delicata in cui si vede la luce in fondo al tunnel, ma non la soluzione al problema.

Movida selvaggia, spiagge prese d’assalto, locali e ristoranti strapieni. E spesso senza rispettare il distanziamento.

Si lavora per prevedere una stretta a livello locale, con provvedimenti differenziati a seconda delle esigenze e delle circostanze. La decisione è nelle mani di sindaci e prefetti, che potrebbero decidere di disporre servizi mirati di controllo e pattugliamento nelle aree a rischio, con ispezioni più serrate.

La necessità di continuare a rispettare le regole è necessaria, poichè la seconda ondata potrebbe essere dietro l’angolo.