Moschiano – Proiettili e minacce, Addeo: “Potrei maturare l’idea di ritirarmi”

Campagna elettorale infuocata a Moschiano, soprattutto dopo il gesto intimidatorio rivolto al candidato sindaco Claudio Rosario Addeo.

Nella mattinata di ieri, infatti, sul parabrezza della sua auto, è stata ritrovata una busta contenente tre proiettili di pistola e una lettera di minacce di morte.

L’aspirante sindaco della lista civica «Moschiano prima di tutto» ha immediatamente consegnato la busta minatoria ai carabinieri della Stazione locale di Quindici sporgendo denuncia.

Le indagini sono attualmente in corso. Stando ad una prima ricostruzione dei fatti, la notte scorsa, presumibilmente dopo le due, qualcuno si è introdotto nel cortile dell’abitazione di Addeo in via Roma scavalcando il muro di cinta: così, ha raggiunto la sua auto posando la busta minatoria sul parabrezza anteriore, per poi dileguarsi. Nella proprietà di Addeo non ci sarebbero telecamere di videosorveglianza.

Il candidato sindaco Claudio Rosario Addeo, gioielliere di professione, è amareggiato per il clima che si sta vivendo in paese nell’ambito della campagna elettorale e dichiara: “A Moschiano viviamo un clima ostico. Ieri mattina sul parabrezza della mia auto ho ritrovato una busta contenente tre proiettili, con una scritta: “ritirati e cancella tutto, altrimenti morirai. Un messaggio davvero forte che fa pensare sicuramente alla pista politica. Sono episodi che portano inevitabilmente a temere per la propria famiglia e non è detto che non possa maturare l’idea di ritirarmi”.