Moschiano, fiaccolata di solidarietà per Addeo: lui e i suoi sostenitori disertano il corteo

Ha partecipato una buona fetta di comunità alla fiaccolata di solidarietà a favore di Claudio Rosario Addeo, svolta ieri sera, nel centro storico di Moschiano. Tra i presenti, mancava proprio lui e i suoi sostenitori.

L’aspirante sindaco della lista «Moschiano prima di tutto», vittima, pochi giorni fa, di un grave atto intimidatorio, ha disertato il corteo, e con lui i suoi fedelissimi.

La fiaccolata però si è svolta lo stesso, interessando le vie del centro storico. Per l’amministrazione comunale uscente guidata da Angelo Mazzocca, che il 26 maggio proverà a conquistare il terzo mandato con la lista «Tutti uniti per Moschiano», era doveroso promuoverla per manifestargli pubblicamente vicinanza.

La vicenda:

Nella mattinata del 12 maggio scorso, sul parabrezza della sua auto, Addeo ha ritrovato una busta contenente tre proiettili di pistola e una lettera di minacce di morte.

L’aspirante sindaco della lista civica «Moschiano prima di tutto» ha immediatamente consegnato la busta minatoria ai carabinieri della Stazione locale di Quindici sporgendo denuncia.

Le indagini sono attualmente in corso.

Stando ad una prima ricostruzione dei fatti, quella notte, presumibilmente dopo le due, qualcuno si è introdotto nel cortile dell’abitazione di Addeo in via Roma scavalcando il muro di cinta: così, ha raggiunto la sua auto posando la busta minatoria sul parabrezza anteriore, per poi dileguarsi.

Nella proprietà di Addeo non ci sarebbero telecamere di videosorveglianza.