Monteforte, l’Istituto Zooprofilattico di Portici effettuerà tamponi per la popolazione più esposta

Piano regionale di sorveglianza sanitario coordinato dall’Istituto Zooprofilattico di Portici in collaborazione con le ASL territoriali: a Monteforte Irpino saranno effettuati domattina, a partire dalle 8.00, i tamponi per la categorie di popolazione più esposta al contatto con il pubblico, con particolare riferimento ai lavoratori che non hanno interrotto la propria attività durate il periodo di lockdown.
L’area individuata per lo svolgimento dell’attività è il piano terra di Palazzo Loffredo: sarà possibile accedere dal lato di via Convento, ritenuta più idonea a filtrare gli ingressi in ragione della presenza di un ampio parcheggio, e si potrà lasciare il Comune dal lato opposto, prospiciente a via Loffredo.

L’ingresso sarà scaglionato secondo i seguenti orari: dalle 8.00 alle 10.00 accederanno i lavoratori del settore alimentare; dalle 10 alle 11 i titolari e i dipendenti di bar e tabacchi e i dipendenti delle Poste; dalle 11.00 alle 12.00 saranno effettuati i tamponi agli operatori delle Forze dell’Ordine, alla Polizia Municipale, Operatori Ecologici, Ispettori Ambientali, Protezione Civile, Volontari impegnati durante le attività solidaristiche nel periodo del lockdown, titolari e dipendenti di Farmacie; dalle 12.00 alle 13.00 sarà la volta di dipendenti e amministratori comunali.

Al fine di evitare assembramenti sia all’interno che nello spiazzale esterno della Casa Comunale, tutti i soggetti sono invitati a rispettare in maniera pedissequa gli orari stabiliti, mantenendo distanziamento sociale e indossando tutti i Dpi.

Il Sindaco e l’Amministrazione Comunale hanno voluto ringraziare l’Istituto Zooprofilattico di Portici: “Un ringraziamento sentito al direttore generale per aver messo a disposizione della comunità questa importantissima opportunità. Ringraziamo anche i volontari che domani si occuperanno, insieme agli operatori di Polizia Municipale e alla Protezione Civile, di contingentare gli ingressi e garantire il rispetto delle prescrizioni.”