Minacce alla giornalista Barbara Ciarcia: “Attenta a quello che scrivi”

La giornalista de Il Mattino Barbara Ciarcia è stata raggiunta, presso la sua abitazione di Venticano da tre uomini, un pregiudicato della zona accompagnato da due guardaspalle.

L’uomo, sul quale aveva scritto in più occasioni, le avrebbe detto: “Attenta a quello che scrivi, stai attenta alla tua famiglia. Se continui non scriverai più niente”.

La collega – alla quale esprimiamo la nostra vicinanza – ha immediatamente chiamato i carabinieri che hanno fermato i tre e hanno avviato le indagini sul caso.

“Il Sugc e l’Unione cronisti saranno al fianco della collega in qualsiasi sede. È importante che le forze dell’ordine adesso garantiscano la sicurezza di Barbara perché possa continuare a fare il proprio lavoro di cronista senza timore. Il nostro compito adesso è quello di non farla sentire isolata, di illuminare i territori e le storie che lei ha raccontato e, se ci sarà un processo contro i suoi aggressori, ci costituiremo parte civile”, affermano il segretario del SUGC, Claudio Silvestri, e il presidente dell’Unione cronisti campani, Sandro Ruotolo”.

Ed ancora: “Anche l’Ordine dei giornalisti della Campania è al fianco della collega irpina Barbara Ciarcia dopo le minacce subite oggi davanti alla sua abitazione”. È quanto scrive, in una nota, il presidente dell’Odg Campania, Ottavio Lucarelli. “L’Ordine ringrazia i carabinieri per il tempestivo intervento – si legge nella nota – Le gravi minacce non fermeranno la collega Ciarcia, impegnata quotidianamente per raccontare la cronaca della provincia irpina”.