Annunci

RieccoCi, battuto il Lanusei: 2 a 0. L’Avellino è nuovamente tra i professionisti

Annunci

AVELLINO-LANUSEI:2-0

AVELLINO (4-4-2): Viscovo; Betti, Dionisi, Morero, Parisi; Tribuzzi, Matute, Di Paolantonio (40′ st Buono), Da Dalt (45′ st Ciotola); De Vena (36′ st Sforzini), Alfageme (18′ st Gerbaudo).

Annunci

A disp.: Lagomarsini,   Mentana, Carbonelli, Omohonria, Dondoni. All.: Bucaro.

LANUSEI (4-3-3): La Gorga; Kovadio (35′ st Sicari), Congiu (11′ st Girasole), Esposito, Carta; Demontis, Ladu, Likaxhiu (19′ st Mastromarino); Tenkorang (12′ st Quatrana), Bernardotto (29′ st Bonu), Floris.

A disp.: Chingari,  Righetti, Ja. Tenkorang, Nannini,

All.: Gardini.

Marcatori: 37′ pt De Vena, 4′ st Tribuzzi

ARBITRO: Di Marco di Ciampino.

Guardalinee: Di Maio-Voytyuk.

NOTE: Ammoniti: Matute (Avellino),Esposito (Lanusei)Angoli: 4-2 Avellino Rec: 1 pt; 5′ st

RIETI – L’Avellino, dopo una rimonta fantastica che ha permesso di recuperare 10 punti al Lanusei, si gioca l’accesso calcio professionistico attraverso lo spareggio di Rieti. I biancoverdi ed i sardi hanno raggiunto quota 83 in graduatoria.  Oltre 5000 tifosi irpini hanno accompagnato la squadra di Giovanni Bucaro nella trasferta laziale. Ultimo atto di una stagione non iniziata nel migliore dei modi, ma che nel finale di stagione ha regalato emozioni uniche. Un gruppo che ha saputo rialzare la testa, proprio nel momento più delicato di un torneo da cui gli irpini hanno tanta voglia di andare via, dopo 8 mesi di purgatorio.

PRECEDENTI – In campionato l’Avellino ha vinto entrambi i match: 2 a 1 in Irpinia e 2 a 0 nella gara giocata in Sardegna. La squadra di Bucaro mira a conquistare la terza vittoria, quella più importante.

CURIOSITA’ – Matteo Dionisi al Manlio Scopigno ha vinto due campionati con la maglia del Rieti, mentre Franco Da Dalt esterno d’attacco dei biancoverdi ha giocato lo spareggio dello scorso anno Vibonese-Troina, vincendolo.  Presenti sugli spalti anche l’ex segretario biancoverde  Tommaso Aloisi ed il procuratore Federico Andreanacci. Sulla balaustra lo storico tifoso Mario Dell’Anno. Tra gli addetti ai lavori anche Salvatore Sullo e Andrea Pasini.

LE SCELTE – 4-4-2 per i biancoverdi con Viscovo in porta, Betti, Dionisi, Morero e Parisi in difesa. In mediana, Tribuzzi, Matute, Di Paolantonio, Da Dalt. De Vena e Alfageme di punta.

LA GARA – I tifosi biancoverdi caricano la squadra senza sosta. A dimostrazione dell’entusiasmo ritrovato. Sugli spalti surclassati i sardi in questi minuti iniziali del match.

5′ Duro contatto tra Bernardotto e Dionisi. Il difensore biancoverde parte subito a mille per far sentire la sua presenza al rientrante bomber della squadra di Gardini.

7′ Da Dalt recupera un pallone e va al limite dell’area, ma al momento del tiro viene bloccato.

11′ l’Avellino non riesce a sfruttare una azione a favore con Di Paolantonio che non aggancia su passaggio di Parisi. Sfuma una buona occasione.

Un vero peccato per un Avellino che prova a mettere subito paura agli avversari.

14′ l’Avellino sfiora il vantaggio con un tiro a girare di Tribuzzi che lambisce l’incrocio dei pali. L’esterno aveva ben duettato con Di Paolantonio al limite dell’area.

Un minuto dopo è Floris a provarci dalla distanza, ma il pallone finisce di molto oltre la traversa.

Al 20′ ammonizione per il difensore ogliastrino Esposito.

Mario Dell’Anno trascina i tifosi sugli spalti come negli anni 90. Immagine emblematica quella dello storico tifoso.

26′ è Demontis a tentare il tiro dopo una azione solitaria senza molta fortuna. Pallone che finisce di molto lontano dalla porta di Viscovo.

Poco dopo la mezz’ora provvidenziale intervento di Parisi su Bernardotto. Il difensore con un bel taglio anticipa l’attaccante e sventa il pericolo.

37′ vantaggio dell’Avellino: Parisi arriva sul fondo mette al centro per De Vena che di testa liberissimo in area realizza il gol del vantaggio. Il bomber ex Casertana va esultare sotto i tifosi.

46′ nel recupero super Viscovo. Il portiere si oppone ad una conclusione sottomisura di Bernardotto e salva il risultato con un grandissimo colpo di reni.

E’ l’ultimo sussulto della prima frazione di gioco. Avellino che chiude in vantaggio dopo 45 minuti di gioco.

SECONDO TEMPO – I tifosi irpini fanno sentire sin dalle prime battute della ripresa la loro voce. 

4′ arriva il raddoppio dell’Avellino. Parisi salva con un gran diagonale innesca Da Dalt che percorre 30 metri palla al piede. Pallone al centro De Vena fa velo, la sfera giunge a Tribuzzi che non perdona per il 2 a 0. Festa grande sugli spalti.

E’ un Avellino galvanizzato dal raddoppio, spettacolo sulle gradinate.

15′ tentativo da dimenticare di Di Paolantonio da dimenticare.

Alfageme ha due grandi occasioni, ma l’attaccante è molto sottotono e non riesce ad essere incisivo. A differenza di Morero e Parisi che in difesa stanno disputando la gara perfetta.

22′ è Tribuzzi ad andare al tiro, conclusione senza fortuna dell’esterno biancoverde.

26′ ci prova Di Paolantonio con un tocco sotto misura in seguito ad  un pallone vagante in area, il portiere sardo si oppone con una grande parata.

34′ proteste per una leggera trattetuna su De Vena. L’attaccante cade a terra in area, ma l’arbitro fa proseguire.

38′ Ladu ci prova dopo una bella azione del Lanusei. Entra in area e calcia clamorosamente sul fondo.

42′ Betti lancia Sforziniin area che si libera di un avversario e calcia al lato. E’ un Avelllino ordinato che vuole evitare pericoli.

46′ Mastromarino con un tiro dalla lunga distanza colpisce la traversa.

L’Avellino è vicinissimo a festeggiare il ritorno nel calcio professionistico. Match in pieno recupero a Rieti.

Esplode la festa dello Scopigno. I biancoverdi tornano tra i professionisti. E’ la festa del popolo irpino. I giocatori esultano sotto i settori occupati dai tifosi e lo fanno insieme al presidente Mauriello sceso in campo per esultare insieme ai propri ragazzi. Dopo un anno di purgatorio la rimonta è completata.

Annunci