La Valle del Sabato e il suo ambiente culturale: al Circolo della Stampa si presenta il volume di Disvelare Edizioni

RIPENSARE IL TERRITORIO:
LA ‘VALLE DEL SABATO’ E IL SUO AMBIENTE CULTURALE
Convegno e presentazione del volume CULTURE E TERRITORI

*Venerdì 12 novembre 2021, alle ore 17.30, presso il Circolo della Stampa di Avellino, Corso Vittorio Emanuele II n. 6, Disvelare edizioni organizza il Convegno RIPENSARE IL TERRITORIO: LA ‘VALLE DEL SABATO’ E IL SUO AMBIENTE CULTURALE e presenta il volume I della serie CULTURE E TERRITORI*.
Una lettura della Valle del Sabato dove l’habitat ambientale e culturale interagiscono fornendo spunti di riflessione e idee per una sua nuova vocazione territoriale.
Presiede:
Tonino Notaro
Direttore editoriale Culture e Territori

Intervengono:
Giuseppe Gaddi
Animatore socio-culturale

Franco Mazza
Presidente Associazione Salviamo la Valle del Sabato

Giuseppe Pavarese
Tecnico scientifico-ambientale

Ranieri Popoli
Coordinamento Nessuno Tocchi l’Irpinia
Coordinatore editoriale Culture e Territori

______

«Questa è la storia […] di una terra di separazione e di congiunzione che, nel corso dei secoli, ha visto dirigersi le legioni romane verso l’umiliazione delle confinanti ‘Forche caudine’, sorgere i rifugi delle prime comunità cristiane, lo scontro epocale per il predominio nel Mezzogiorno tra il Papato e l’Impero racchiuso tra le cinte murarie dei suoi castelli, l’Amministrazione capitolina del Principato Ulteriore, il sorgere delle prime industrie estrattive del meridione, il passaggio del Duce e del Principe di Piemonte e quello della ritirata dell’esercito tedesco, le lotte operaie e di emancipazione sociale dei minatori, un’originale e antesignana esperienza di governo locale, la nascita di un’agricoltura di pregio e di rilievo internazionale, le mobilitazioni di civiltà dei giorni nostri a difesa del suo territorio. Una terra ricca anche di nicchie ecologiche, sia di flora che di fauna. Siamo alle falde del Parco regionale del Partenio, uno dei più interessanti dell’Appennino meridionale per via del suo ricco ecosistema, ma soprattutto per la sua gente oltremodo operosa, che valorizza i rapporti umani e sociali.
[…] Il principio di fondo della nostra battaglia è che in questa Valle, per l’evidente condizione di non sostenibilità ambientale, non è più pensabile sviluppare ulteriormente attività industriali legate al ciclo dei rifiuti e alle sue dinamiche invasive territoriali».
[dal saggio diFranco Mazza e Ranieri Popoli suCulture e Territori I, Disvelare edizioni]

«Siamo perciò chiamati a un impegno politico, culturale, sociale e ambientalista, per contribuire a costruire un domani migliore.Nasce così la serie CULTURE E TERRITORI, all’interno della collana Genius loci, che presenta volumi miscellanei sui temi: lotta alle mafie, rispetto della persona umana, diversità, unicità territoriali, tradizioni, cultura, arte, ricerca e nuove tecnologie.
Un luogo di incontro, di confronto e di riflessione su argomenti della nostra terra, della nostra storia e del nostro tempo, per consolidare i rapporti tra persone, culture e territori, e valorizzare la condivisione delle diversità, alimentando il confronto e il dialogo».
[dall’editoriale di Tonino Notaro]

Aa.Vv. CULTURE E TERRITORI vol. I
ISBN 978-88-945583-5-7
Formato: 17×24 cm; pagine 128, volume in b/n corredato da numerose fotografie; progetto grafico di Officina Mirabilis.
Stampato su carte delle Cartiere Fedrigoni, con certificazione ecologica FSC®️, composte da pura cellulosa e da un elevato contenuto di riciclo controllato e selezionato.

Il volume è già disponibile al link:

Aa.Vv. CULTURE E TERRITORI vol. I


Spedizione gratuita fino al 31 dicembre 2021.

Un progetto ambizioso che indaga i temi stringenti della nostra terra, della nostra storia e del nostro tempo: azioni culturali e sociali, contrasto alle mafie, biodiversità e sostenibilità, tipicità e tradizioni, storie e comunità, beni culturali e paesaggistici, riflessioni.
In questo numero: sviluppo sostenibile della Valle del Sabato, l’Agronolano tra architettura e memoria storica, il Teatro come valore sociale, il Movimento Antimafia, Paolino di Nola, la Festa dei Gigli in pandemia, le Battuglie di Pastellessa di Macerata Campania, i Mulini di Avella, la Festa del Maio a Baiano, un approfondimento sul Catalanesca… e ancora, racconti di emigrazione, riflessioni filosofiche e sociologiche.
L’evento si svolgerà in osservanza delle norme di sicurezza nazionali: è necessario presentare il green pass o l’esito di tampone delle ultime 48 ore; è necessario indossare la mascherina.