La Misericordia di Avellino spegne 40 candeline

40 anni di storia e volontariato: ii 14 aprile 1981 nasceva ad Avellino la Fraternita di Misericordia di Avellino. Un riferimento per cittadini, lstituzioni e giovani.

“In questa fase storica ii nostro motto Dio ve ne renda merito ! si e sempre piu concretizzato tra lapopolazione. Avremmo voluto festeggiare questo traguardo in altro modo, ma in questo momenta vogliamo solo ringraziare chi ha contribuito a scrivere la nostra storia ed i nostri giovani volontari che si stanno prodigando ogni giorno in questa fase pandemica”, afferma il Presidente della Misericordia di Avellino Guido D’Avanzo.

Le Misericordie d ‘Italia hanno avuto uno storico ruolo di assistenza in caso di necessita, ma anche di soccorso di Protezione civile, gia nelle citta medievali (la prima confraternita di Misericordia nacque  nel 1244 a Firenze). Nel corso dei secoli si e sviluppato ii movimento in larga parte in Italia e nel Mondo, migliorando le proprie competenze.

In occasione del terribile terremoto dell’lrpinia del novembre 1980, alla testa di una colonna mobile di 20 ambulanze, provenienti dalla Toscana, giunse ii Vice -Presidente della Confederazione Nazionale Misericordie d’ltalia, Francesco Giannelli, con un gruppo di circa 100 volontari soccorritori, che stabilirono la loro base operativa presso la Chiesa di San Ciro ospitati dal Parroco don Michele Grella . Presso la comunita ecclesiale di base della Parrocchia di San Ciro, germoglio’ ii seme della Misericordia di Avellino, la prima in Campania; un gruppo  di giovani volenterosi, guidati dal primo Presidente  Emilio Capriola, siglarono  l’atto costitutivo della nascente associazione ii 14 aprile 1981 presso ii Notaio Edgardo Pesiri. Da allora fu un crescendo continua del movimento nella Provincia di Avellino e poi in tutta la Campania, dove oggi si contano circa 80 Misericordie .

II nostro motto” Che Dio te ne renda merito!”, che ha accompagnato nei secoli l’azione dei confratelli della Misericordia, rappresenta  ancor oggi ii nostro spirito cristiano di carita, perche oggi come allora, al termine del servizio, la sola ricompensa che ogni confratello di Misericordia possa ricevere da Dio per bocca di un confratello sconosciuto e: ” Che Dio te ne renda merito”.

Questa motto ben si accompagna con la citazione di Madre Teresa di Calcutta … “Non tutti possiamo fare grandi case, ma possiamo fare piccole case con grande amore”.