La grande arte drammaturgica di Salvatore di Giacomo al “Teatro d’Europa”

La grande arte drammaturgica di Salvatore di Giacomo, in una pièce teatrale ricca di emozioni. Domenica 19, alle 18.30, al “Teatro d’Europa” di Cesinali, la Compagnia Balagancik presenta Luigi Cesarano in “Quando l’amour meurt”. Uno spaccato sulla grande tradizione letteraria napoletana, in una versione più intimista ed esistenzialista. Scritta e rappresentata nel 1910, l’opera getta uno sguardo introspettivo sui moti dell’anima. “ Lo spettacolo- commenta il direttore artistico del “Teatro d’Europa” Luigi Frasca- racconta personaggi tormentati, non sempre in grado di esprimere le loro inquietudini. Sguardi smarriti, sentimenti altalenanti o soffocati, silenzi, accendono i riflettori sulla condizione esistenziale degli uomini e sulla loro capacità di relazione con gli altri, specialmente nei periodi di cambiamento, in cui all’evolversi dei tempi si accompagna un mutamento di sensibilità”-. Il percorso artistico, quindi, pone l’accento sui silenzi, sull’incapacità al dialogo, in un’ambientazione che stimola la riflessione. “Una pagina importante della produzione di Salvatore Di Giacomo- conclude Frasca- ben distinta dallo stereotipo di una Napoli oleografica ed allegra. Quando un amore finisce, resta la solitudine, la malinconia. Ma quando non si è consci dell’amore, si prova il senso di vuoto”-.