Incontro a Guardia Lombardi con Angelo Di Pietro (+Campania in Europa)

Tappa importante del tour di Angelo Di Pietro, candidato con “+Campania in Europa” a sostegno di De Luca, a Guardia Lombardi nel suo paese d’origine.

Di Pietro ha incontrato ieri 14 settembre a Guardia Lombardi i propri concittadini e i simpatizzanti dei comuni limitrofi con una nutrita delegazione proveniente da Frigento.

Durante l’evento Di Pietro ha spiegato così il suo impegno per le aree interne “Ogni anno l’Irpinia perde 1.500 persone dovuto al saldo naturale negativo, ciò vuol dire che la popolazione irpina diminuisce delle stesse dimensioni di un comune come Guardia e a questo numero si aggiunge il saldo di emigrazione con altre 1.200 persone che abbandonano l’Irpinia. Questi numeri possono essere invertiti solo con piano di sviluppo che punti sulle infrastrutture digitali, sull’agricoltura e sulla florovivaistica.”

Continua Di Pietro: “I piccoli borghi possono ritornare ad essere abitati per almeno il 60-70% dei giorni grazie allo smart workingche deve diventare una forma consolidata di lavoro. Ma per farlo occorre nel giro di 1 anno portare la banda larga in tutti i comuni della provincia e dove non è possibile occorre utilizzare le reti wireless.

La provincia di Avellino è un’area a vocazione agricola e il forte ritardo nella pubblicazione delle graduatorie dei PSR 2014-2020 ha penalizzato moltissimo i tanti imprenditori agricoli.

Rallentare il sistema delle misure legate ai contributi per il primo insediamento e per gli ammodernamenti strutturali nelle aziende agricole non deve più ripetersi. La tecnologia può migliorare il processo di valutazione delle pratiche efficientando i controlli da effettuare utilizzando la correlazione di banche dati differenti, in modo tale che queste verifiche formali vengano automatizzate.

Ci sono giovani che hanno presentato domanda nel 2017 e solo ad agosto 2020 sono riusciti ad avere una valutazione finale, sono rimasti in attesa per oltre 2 anni non potendo programmare il loro futuro.

Per questo motivo il punto focale del programma di “+Campania in Europa” è sburocratizzare i processi amministrativi digitalizzando e semplificando le attività che ingessano i servizi rivolti ai cittadini e alle imprese”.

All’incontro di Guardia Lombardi era presente Bruno Gambardella portavoce regionale di “+Europa” che ha rimarcato: “+Campania in Europa non è una lista di partito, ma una lista politica promossa da +Europa: non una delle tante civiche che, per capirci, il 21 pomeriggio si scioglieranno come neve al sole. Massimo rispetto per i nostri alleati, ma noi rappresentiamo una novità, un progetto diverso. Ci sono candidati appartenenti alla cultura laica e radicale, ma soprattutto a quell’ambientalismo liberale che vede nel progresso scientifico e tecnologico un’opportunità per la salvaguardia dell’ambiente e del nostro futuro; rappresentanti e amministratori espressione di movimenti civici che condividono la nostra impostazione europeista; uomini e donne che si sono impegnati per i diritti civili e le libertà individuali; professionisti e giovani che hanno idee ed entusiasmo da mettere a servizio della nostra regione. Siamo sicuri che i nostri eletti rappresenteranno un valore aggiunto per l’azione di governo di Vincenzo De Luca”.