In uscita oggi “Canzone dell’attesa” del cantautore irpino Alessio Vito

“Canzone dell’attesa” è il nuovo singolo, in uscita il 22 Dicembre 2020, di Alessio Vito estratto dall’album
“SottoVuoto” pubblicato e distribuito da (R)esisto Distribuzione
Il brano è stato registrato completamente in Francia in una baita di montagna sulle Hautes-Alpes a Saint
Julien en Champsaur nel febbraio 2019 e gode della partecipazione di soli musicisti d’oltralpe; vi ritroviamo,
infatti, oltre allo stesso Alessio Vito alle chitarre acustiche, Johanna Cascales al violino, Terry Piccin alla
fisarmonica a bottoni, Kevin Clerx al basso tuba, Florent Digibeu alla batteria e Jean-Laurent Pernin alla
chitarra manouche.
Il videoclip scritto, prodotto e diretto dallo stesso Vito è stato registrato nei pressi del paese natale del
cantautore; l’ambientazione delle scene e l’apparato scenografico richiama le tipiche festività natalizie in
Irpinia, così come i luoghi di svolgimento delle azioni sono simbolici e caratteristici dei paesi di provincia,
punti di incontro e centri nevralgici della vita del paese. Ad eccezione di Nicola Mariconda che appare in un
piccolo cameo, tutti i personaggi e le comparse presenti nel videoclip sono attori non professionisti e alcuni
di essi svolgono all’interno delle azioni le loro vere attività lavorative quotidiane.
Il brano riflette sulle contraddizioni, le difficoltà e talvolta la grazia del vivere in un piccolo paese di
provincia, sulla monotonia di una vita sedentaria fatta di gesti e azioni ripetitive che trova uno spiraglio di
luce solo nei pochi giorni di festività, in un continuo clima di attesa e speranze di cambiamento. Il videoclip
è un mini-film che ruota intorno a tre storie parallele che seppur sembrano apparentemente distanti trovano
alla fine un punto di congiunzione con Vito che appare in vesti diverse all’interno delle azioni. In un periodo
particolarmente complesso e scarno di rapporti sociali, il videoclip vuole anche richiamare una parvenza di
normalità che, ad oggi, sembra ancora molto lontana.
La regia è affidata allo stesso Vito e a Simone Esposito mentre la fotografia è di Generoso De Biase; hanno
partecipato alle riprese: Carmine Mazza, Federico Capuano, Francesco Ingino, Annibale De Luca, Giuseppe
D’Agostino, Roberto Marena, Alfredo Vito, Angelo Verderame, Antonio Cella, Claudio Ruiz, Donato Di
Donato, Emilio Capuano, Nicola Mariconda, Pascal Mariconda, Pasquale Cantilio, Tecla Antignani. Progetto
grafico di Vittoria Capuano.
Florent Digbeu (batteria)
Jean-Laurent Pernin (chitarra manouche)
Johanna Cascales (violino)
Kevin Clerx (basso tuba)
Terry Piccin (fisarmonica a bottoni)
—-
Credits
Scritto, diretto e prodotto da Alessio Vito
Regia: Alessio Vito, Simone Esposito
Fotografia: Generoso De Biase
Hanno partecipato:
Carmine Mazza (l’imbroglione)
Federico Capuano (bei capelli)
Francesco Ingino (il lettore accanito)
Con in veste di loro stessi:
Annibale De Luca (barista)
Giuseppe D’Agostino (barbiere)
Roberto Marena (barbiere)
E con:
Alfredo Vito
Angelo Verderame
Antonio Cella
Claudio Ruiz
Donato Di Donato
Emilio Capuano
Nicola Mariconda
Pascal Mariconda
Pasquale Cantilio
Tecla Antignani
Grazie a:
Maria Luciano e Dario Capuano per la concessione della tavernetta di Laurano in Serino (AV)
La Campagnola (hotel-ristorante-bar) e Acconciature Maschili di Santa Lucia di Serino (AV