Il Soccorso Alpino e Speleologico della Campania salva un’escursionista

Il Soccorso Alpino e Speleologico della Campania (CNSAS) è intervenuto questa mattina in Costiera Amalfitana nel comprensorio del comune di Positano (SA). L’allarme è arrivato per un’escursionista con frattura alla caviglia lungo il Sentiero Italia (o sentiero 300 alta via dei Monti Lattari) nel tratto da S.Maria del Castello alla Caserma della Forestale.

Fortunatamente alcune squadre del CNSAS erano in zona per un addestramento e sono quindi immediatamente intervenute. Una squadra ha affrontato il sentiero da S.Maria del Castello insieme all’equipaggio del 118 e l’altra dalla località Valle Pozzo. L’escursionista è stata raggiunta dai tecnici e sanitari del Soccorso Alpino e Speleologico della Campania che, insieme al 118 ha provveduto a stabilizzarla e sistemarla in barella per il trasporto verso l’ambulanza.

Contemporaneamente a questo intervento in corso, le squadre del CNSAS che stavano trasportando la barella, insieme al 118, si sono imbattute in un’altra persona che aveva avuto un malore ed aveva bisogno di aiuto. Il Soccorso Alpino e Speleologico della Campania ha provveduto ad allertare l’elisoccorso fornendo le coordinate del luogo per questo secondo intervento.

Mentre l’elisoccorso era in decollo è giunta una terza richiesta di soccorso, stavolta per il Monte Finestra, dove una persona aveva riportato una importante frattura ad una mano per la caduta di un sasso. A questo punto l’elisoccorso si è diretto verso il Monte Finestra, dove sono stati sbarcati il medico ed il Tecnico di Elisoccorso ed hanno recuperato l’infortunato mediante il verricello, mentre il Soccorso Alpino e Speleologico della Campania, insieme con il 118, ha provveduto ad assistere e trasportate in barella fino all’ambulanza anche la persona che aveva avuto il malore.

Fondamentale nella gestione degli interventi è stata la collaborazione e la sinergia con le Centrali Operative 118 di Salerno e Napoli Est.