IIA: Fismic, il coraggio della verità

Questa mattina, presso la Sede Provinciale della Fismic-Confsal, si è tenuta una riunione con un gruppo di cassaintegrati e attivisti di IIa, guidati dai delegati Giovanni Garofano e Gerardo Novino, presenti ieri al Mise.

“Se guardiamo ai numeri veri presentati ieri a Roma – dichiara il Segretario Giuseppe Zaolino – non si può che confermare le preoccupazioni espresse già nella precedente riunione di luglio.

La Turchia continua ad effettuare l’83% dell’intera produzione di IIa  e solo il 17% viene costruito in Italia .

Il numero di consegne effettuate  a tutto settembre 2019è impietoso , 264 autobus prodotti da Karsan , 26 a Bologna e solo 25 Flumeri.

Il trend per il prossimo anno continuerà sulla stessa falsariga.

Il paradosso che vivono i lavoratori di Valle Ufita è la commessa Campana dell’Acamir.

Autobus che serviranno a migliorare il trasporto pubblico a Napoli saranno prodotti per l80% in Turchia mentre 160 lavoratori di Flumeri sono in cassaintegrazione.

La differenza dell’impegno politico fra le due regioni coinvolte in questa vertenza continua Zaolino è la presenza costante e condizionante dell’Assessore all’industria dell’Emilia Romagna e la presenza anonima ed inutile di un funzionario della Regione Campania.

Se la vogliamo dire tutta – continua Zaolino – questa vertenza è ben lontana da una conclusione a breve.

Si è troppo politicizzata  e troppe verità, vengono nascoste ai lavoratori che nel frattempo continuano a fare sacrifici e potrebbero subire alla fine la beffa di una privatizzazione dopo aver sognato di essere dipendenti del polo pubblico nazionale degli autobus”.