I.I.A., timidi segnali su salario e occupazione

Incontro ieri in fabbrica con la Direzione Aziendale ed il consiglio di fabbrica per fare il punto della situazione in vista dell’incontro romano al Mise del 9 ottobre.

Questa mattina, la Segreteria Provinciale della Fismic-Confsal ha riunito un gruppo di cassaintegrati e attivisti guidati dai delegati Giovanni Garofano e Gerardo Novino per fare una valutazione di merito ed esprimere un giudizio politico sullo stato della vertenza.

“Registriamo una timida apertura sulle nostre richieste di Luglio – dichiara il Segretario Generale Giuseppe Zaolino -.

L’aumento di 30 Euro sulle trasferte, apre una breccia verso la parità salariale con Bologna e la consapevolezza che entro Dicembre tutti icassaintegrati rientreranno, sono notizie confortanti.

A Roma dovremo entrare nello specifico e dovranno darci un cronoprogramma aggiornato sulla ristrutturazione e sulla reindustrializzazione.

Non ci basterà più l’allungamento della cassaintegrazione conclude Zaolino, ma dovranno fornirci date certe del rientro delle produzioni +dalla Turchia perché altrimenti il cambiamento operativo che si aspettano i 430 lavoratori di I.I.A. dal Governo attuale, sarà ancora un’altra delusione”.