Festa: “Rallentamenti a causa della pandemia. Il 2022 anno delle incompiute”

Di seguito riportiamo le dichiarazioni del sindaco di Avellino, Gianluca Festa, nel corso della consueta videodiretta Facebook del lunedì sera.

Pandemia. ”La nostra Amministrazione, negli ultimi due anni, si è vista costretta ad affrontare la pandemia. Una situazione che inevitabilmente ha rallentato la nostra attività amministrativa. Il problema primario è stato essenzialmente sanitario. Tutti i giorni si registravano morti e noi, come amministrazione, abbiamo affrontato il problema in maniera impeccabile. Ricordate? Abbiamo offerto test rapidi gratuiti alla nostra comunità quando nessuno lo faceva in Campania. Noi abbiamo affrontato questa fase con senso di responsabilità e con una strategia che pochi hanno avuto in Italia”.

Comportamento degli avellinesi la sera del 31 dicembre. “Sono veramente orgoglioso del comportamento dei ragazzi e anche degli esercenti la sera del 31 dicembre. Questo dimostra che c’è un’autoregolamentazione e la gente è cresciuta come comunità. Non ho affatto gradito il comportamento, invece, di chi ha sparato i fuochi d’artificio facendo alzare anche il livello d’inquinamento dell’aria. E li abbiamo sentiti tutti”.
Realizzazione opere incompiute. “Ricordo che siamo riusciti a ottenere un finanziamento pari a quasi a 15mln di euro. 7 milioni di euro serviranno per l’estensione del percorso della metropolitana leggera che permetterà di estendere il diritto alla mobilità con nuovi collegamenti nel segno della sostenibilità. 8.5 milioni di euro saranno destinati, invece, per il centro di monitoraggio ambientale e per il polo informativo e formativo per la raccolta differenziata. In totale, sono quasi 60, i milioni ottenuti da questa amministrazione. Come ho detto più volte, quest’anno realizzeremo tutte le incompiute in città”.
Campagna vaccinale. “La terza dose sarà lo strumento che ci permetterà di sconfiggere il Covid. Io l’ho fatta, l’ho fatta fare anche ai miei figli. Andate a vaccinarvi, fatelo con i vostri figli”.