Enti Locali, Piani di Zona Sociali e Medicina Territoriale, Ventola e de Ciuceis (Fp Cgil): “Il sindacato è azione e militanza”

Sono i Segretari Provinciali della Fp Cgil, Valter Sergio Ventola e Pietro de Ciuceis, ad intervenire attraverso una nota congiunta.

Oltre ai LEA (Livelli essenziali di assistenza) della sanità, esistono anche i LEAS (livelli essenziali di assistenza sociale) che riguardano i servizi sociali di prossimità a cui hanno diritto tutti i cittadini che ne necessitano. A garantirli sono i lavoratori del pubblico impiego, ed in particolare quelli impiegati nei Piani di Zona (Consorzi, Aziende Speciali o semplicemente Uffici di Piano dislocati sul territorio dell’ambito sociale definito dalla Regione). Si tratta di assistenti sociali, psicologi, educatori etc.

Nella nostra provincia, su sei ambiti territoriali, si osserva una notevole differenza, sia a livello gestionale che operativo. La Fp Cgil ha sempre posto al centro della propria azione sindacale la tutela dei lavoratori come elemento inscindibile dalla garanzia dei servizi ai cittadini.

Siamo fermamente convinti che i lavoratori debbano sentirsi parte sostanziale ed essenziale delle comunità in cui operano e di cui fanno parte.

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un assottigliamento estremo delle piante organiche e ad un peggioramento oltre che dei servizi, anche della vita lavorativa degli operatori. Riteniamo che sia fondamentale cominciare a rivedere il tutto. L’intenzione è di mettere al centro di servizi ed organizzazione i cittadini e i lavoratori. Intensificare un legame indebolito tra chi offre un servizio pubblico e chi ne usufruisce al solo scopo di migliorare le condizioni di vita nella nostra provincia.

Tassello importante per far vivere questa visione sono le nostre RSU (rappresentanze sindacali unitarie) che fino ad oggi ed anche in futuro hanno portato e porteranno i nostri ideali all’interno degli uffici pubblici di prossimità. Il 5 6 e 7 aprile si voterà il loro rinnovo e per noi non è un fatto secondario. Per noi il sindacato è azione di presenza e militanza. Solo così per noi è possibile invertire la rotta e sostenere i servizi dedicati ai cittadini irpini.