Decreto di sostegno all’economia, contributi in base alle restrizioni subite

Il decreto di sostegno all’economia, dopo le restrizioni imposte nell’ultimo Dpcm, potrebbe essere approvato oggi in Consiglio dei ministri.

Il provvedimento sarà definito con la conferma della scelte di includere nello stesso pacchetto i ristori automatici alle imprese, le misure fiscali, il prolungamento della cassa integrazione almeno a fine anno, le indennità per stagionali e lavoratori dello sport e dello spettacolo, una ulteriore rata del reddito di emergenza ed anche una riedizione del bonus centri storici.

Il valore finanziario complessivo si aggira sui 5 miliardi.

I maggiori benefici dovrebbero andare a discoteche, cinema, teatri, palestre, sale Bingo e altre strutture costrette a chiudere del tutto i battenti. Penalizzati anche bar e ristoranti costretti a chiudere alle 18.

Sussidi specifici (compresi tra gli 800 e i 1.000 euro) arriveranno ai lavoratori dello sport e dello spettacolo che non rientrano nella
cassa integrazione e agli stagionali. Mentre una nuova mensilità del reddito di emergenza verrà incontro ai nuclei familiari più in difficoltà, che non ricevono altri aiuti.