Debiti di IrpiniAmbiente, c’è l’ultimatum

Tre giorni per chiudere una partita che dura da 10 anni e consentire al Comune di incassare circa un milione di euro.

IrpiniAmbiente deve, entro 72 ore, rendere questa somma al Comune di Avellino.

Un ultimatum necessario per fare comprendere all’azienda di raccolta dei rifiuti che non c’è più intenzione di attendere.

Questa la sintesi dell’intesa raggiunta ieri tra l’amministrazione di Piazza del Popolo e la società dei rifiuti «IrpiniAmbiente» sulla corresponsione dei ristori ambientali dovuti all’ente per la presenza dello Stir a Pianodardine.

L’incontro è avvenuto tra il sindaco Gianluca Festa, l’assessore al ramo, Giuseppe Negrone, e l’amministratore unico di «IrpiniAmbiente», Nicola Boccalone.