De Luca conferma: “Le scuole elementari e medie riapriranno a fine gennaio”

Vincenzo De Luca

Vincenzo De Luca, Governatore della Campania, fa il punto della situazione su Covid e Scuole.

ZONA BIANCA
“Rimaniamo in zona bianca, è un risultato straordinario. Siamo la Regione comunque più a rischio, vediamo fino a quando resistiamo. Sul Covid, devo constatare con tanta amarezza che l’Italia in tre mesi non ha fatto nulla, ci siamo bruciati il vantaggio con il resto dell’Europa. Ci siamo vantati senza prendere nessuna decisione efficace e siamo nella situazione che temevo. Siamo a 200mila contagi e ancora non è il picco. Il nostro Governo ha delle contraddizioni interne. Lega e Fratelli D’Italia, ad esempio, sono contro la linea guida della prevenzione del contagio strizzando occhio ai no vax, ai non Green Pass e coloro che non amavano indossare la mascherina. Voglio ricordare a quelle forze che parlano di Patria, che quando la prima volta il Governo decise per l’obbligatorietà della mascherina, sono stati i primi a fare le manifestazioni senza e facendo esplodere il contagio. Io non ho capito quali sono le proposte di Lega e Fratelli D’Italia. Siamo alla irresponsabilità totale. L’obbligo del vaccino per gli ultra 50enni diventerà ufficiale a febbraio, perdiamo troppo tempo. Un mese e mezzo di attesa vorrebbe dire che arriveremo a 2milioni e mezzo di contagiati. Obbligo per il Green Pass per andare dall’estetista, barbiere, chi fa questi controlli? Il barbiere e l’estetista?

Per la quarantene non si capiscono le misure, non esiste un tracciamento per cui in buona sostanza anche i positivi possono circolare nel nostro paese perchè impossibili controllarli tutti. Noi chiudiamo le discoteche, però non facciamo nulla per bloccare gli assembramenti della Movida, chiudiamo le discoteche però consentiamo il 50% della presenza negli stadi. Se vogliamo contenere il contagio bisogna bloccare le presenze negli stadi”.

COVID
“Tanto ormai lo prenderemo tutti, sento dire in giro così. Sono basito. Come sento dire che Omicron non è grave, ma più contagioso, ma quando arrivi a 200mila casi, gli ospedali si ingolfano e sarai costretto a chiudere i reparti dei malati non Covid, è una situazione incontrollabile. Devo segnalare un altro fenomeno grave, io ho parlato ad aprile-maggio del mercato nero dei vaccini. Siamo stati la Regione con minori dosi di vaccino nonostante la Campania abbia la densità maggiore di popolazione, ho paura adesso che si innesca un altro tipo di mercato nero, quello dei farmaci anti-virali, dove la regione è ancora una volta danneggiata. In Campania sono arrivati 480 colli di medicinali, in Emilia circa 800, nel Lazio 1600 più del triplo, in Lombrdia 1080, Toscana 1440, Veneto 2160, noi 480. Se continua questa storia mi imputerò alla Magistratura Penale, è vergonoso. Invito il Governo ha distrbuire i medicinali nelle giuste proporzioni”.

SCUOLA

“Voglio dirvi con sincerità, per me è quella di non prendere alcuna decisione. Io non mi sento di contemplare lo scivolare dell’Italia verso il disastro. C’è da stare male per il caos che si sta creando in vista di lunedì. I bambini non devono essere le cavie di nessun partito politico. I dati che abbiamo noi in Campania, abbiamo 3mila positivi nell’ambito del personale scolastico e 19mila nella fascia 0-19 anni, come campagna di vaccinazione registriamo dati del meno del 10% tra elementari e medie. E’ molto bassa, la vaccinazione nella fascia 5-11 perchè stata emanata da pochi giorni. I sindaci della Campania ci hanno fatto richiesta di riaprire le scuole tra due o tre settimane, gli stessi presidi sono preoccupati. A breve ci sarà l’unità di crisi che si esprimerà per le elementari e medie, si deciderà di riaprirle a fine gennaio. Per le altre valutiamo la curva del contagio. Ripeto, per le elementari e medie non ci sono le condizioni per aprire”.