Cus Avellino, il Divino torna a casa

L’ A.S. CUS Avellino comunica di essersi assicurata le prestazioni sportive di Marino Parente.
Non ha bisogno di presentazioni il classe ’82 che per anni ha fatto le fortune del team di Lanzetta.
Il Divino torna a casa dopo aver scritto a suon di gol pagine di storia di questa società.
 Dopo un inizio nel mondo del calcio, Parente inizia la sua avventura nel futsal con il Benevento Ferrovia in C2. Successivamente si accasa all’Avellino five soccer in B per poi tornare al Benevento Ferrovia in C1. La consacrazione arriverà con un altra sannita, il Benevento C5 in serie A2. Dopo un avventura con il Benevento futsal in serie B, Parente approda alla corte di mister Carbone al Cus Avellino, militante in C1, conquistando i tifosi biancoverdi a suon di gol.
Finita la parentesi irpina, Marino vestirà le casacche di Feldi Eboli, Victoria Solofra e ancora Benevento C5.
Oggi il nuovo approdo in casa Cus.
È Patron Lanzetta a parlare: “Dopo aver risuscitato Giotto e Dante siamo pronti a risuscitare Da Vinci!
Scherzi a parte, siamo contenti del ritorno di Marino. Sono sicuro che darà una grande mano a mister Venezia e alla squadra in questa categoria. Marino è un uomo d’esperienza, nelle ultime settimane ha dato a vedere che c’è e che è pronto, dunque può essere l’asso nella manica del roster. Conserva ancora le sue qualità e non può far altro che aiutare la rosa e, soprattutto, le nuove leve.”