Costituzione della Cisal all’Alto Calore, le ragioni che hanno portato a tale scelta

Trascorsi 7 giorni dalla costituzione della CISAL in Azienda, si ritiene opportuno chiarire le ragioni che hanno portato a tale scelta: Le bacheche riservate alla CISL-UIL-CGIL e UGL, destinate a raccogliere i Comunicati e le informazioni per il personale dipendente, sono VUOTE! Nel migliore dei casi contengono richieste di incontri che risalgono all’anno 2019, ancor prima che scoppiasse la Pandemia, come se tutto funzionasse bene e tutto procedesse nel migliore dei modi,ma non è così! A fronte di una crisi economica e finanziaria annunciata finanche in Prefettura, alla presenza della massima autorità del Governo, con il ricorso al FIS e ad incentivi per il prepensionamento, con slittamento di pagamenti e spettanze dovute, anche sul versante contributivo e previdenziale, si assiste “inermi” a nuovi contratti e consulenze, elargizioni di promozioni attribuite senza tener conto di titoli di studio e anzianità, mortificando professionalità espresse dalla maggioranza del personale già dipendente. ALTO CALORE SERVIZI non è un’Azienda privata! In ACS non si realizzano manufatti ma si erogano Servizi di pubblica utilità, con danaro che proviene da fondi pubblici e dalle bollette pagate dai cittadini dell’Irpinia e del Sannio, è giusto, pertanto, che vi sia Trasparenza e parsimonia nella gestione e, soprattutto, si manifesti chiaramente, se esiste, una Politica che sappia guardare con lungimiranza al futuro, attraverso una corretta programmazione. La CISAL CHIEDE all’Amministratore Unico di ACS, il dottore Ciarcia, nel rispetto del Contratto Nazionale di Lavoro (FEDERGASACQUA) di conoscere i criteri adottati per l’ attribuzione dei Livelli di inquadramento e dei ruoli assegnati, dando prova che le scelte adottate sono in funzione dell’efficientamento del Servizio erogato e non per il soddisfacimento di ambizioni, seppur legittime, unicamente personali. E’ quanto mai urgente, inoltre, che il datore di lavoro comunichi con il Personale e con gli Utenti rendendo, dati alla mano, nota la situazione dell’Azienda, dichiarata, secondo le circostanze, in crisi o in salute.