Coronavirus, il bollettino del 30 luglio: impennata di contagi in Italia

Impennata di nuovi contagi in Italia da Coronavirus, che salgono a 386 casi. Un dato che ricorda, quasi, il 5 giugno quando furono registrati 518 casi.

Da registrare 3 decessi (ieri erano 6). La curva è risalita dopo i focolai nel Veneto 112 casi (ieri erano 42).

Il grosso di questi sono relativi allo screening al Centro di accoglienza situato nell’ex Caserma Serena di Casier a Treviso: complessivamente sono stati eseguiti 315 tamponi – 293 sui migranti e 22 sugli operatori – che hanno evidenziato 129 positività tra gli ospiti.

Con 765 guariti o dimessi in più scende invece il numero di persone attualmente positive nel nostro Paese che arriva a quota 12.330, con una diminuzione di 286 unità. Sono 47 i malati in terapia intensiva, 9 in più rispetto a ieri, e 748 i ricoverati con sintomi in altri reparti, 17 in più.