Coronavirus, Harris (Oms): “Nessuna vaccinazione diffusa fino alla metà del 2021”

È corsa al vaccino anti-Covid. E, anche se in Russia, negli Stati Uniti, in Europa si registra un’accelerata nelle sperimentazioni, l’Organizzazione mondiale della sanità, attraverso la portavoce Margaret Harris, frena.

L’antidoto al nuovo virus, infatti, potrebbe essere disponibile non prima di marzo o aprile 2021.

“Non ci aspettiamo di vedere una vaccinazione diffusa fino alla metà del prossimo anno”, ha detto la portavoce Margaret Harris ai giornalisti in un briefing a Ginevra, citata dal quotidiano britannico Guardian.

“Sei dei nove candidati vaccini sono in fasi avanzate di sperimentazione, alcuni in fase 3 degli studi clinici. Questa fase 3 richiede più tempo perché dobbiamo vedere quanto il vaccino sia veramente protettivo e quanto sia sicuro”.