Conza, l’Asl revoca il divieto di pesca. Assenza di salmonella nelle analisi dell’Arpac

Sulla diga di Conza della Campania si torna a pescare. Dopo sette anni dallo stop, per la presenza di salmonella nell’invaso, la Regione ha deciso di revocare l’ordinanza di divieto.

Una decisione presa, ovviamente, a seguito delle analisi effettuate dal dipartimento Arpac di Avellino.

L’Agenzia regionale per l’ambiente «ha trasmesso i dati analitici relativi alle attività di campionamento delle acque dell’invaso svolte nel 2018, dalle quali risulta l’assenza di salmonella», spiega il decreto dell’Unità operativa dirigenziale Ufficio Centrale Pesca ed Acquacoltura di Palazzo Santa Lucia.

A sollecitare la revoca dell’ordinanza è stata la Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee (Fipsas) che in una delle note inviate in Regione ha sottolineato che il divieto di pesca, nella zona, ha arrecato non pochi danni all’economia indotta dal movimento agonistico e dagli appassionati.