Commissario Sanità, bocciata l’incompatibilità dalla Corte Costituzionale

Bocciata dalla Corte Costituzionale la norma che sanciva la incompatibilità tra la carica di Presidente di Regione e quella di commissario alla sanità.

Con sentenza n.247 del 4 dicembre 2019, la Corte Costituzionale ha infatti  dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 25-septies del decreto legge 23 ottobre 2018, n. 119 inserito in sede di conversione e fortemente voluto dall’ex Ministro della Salute Grillo,  rilevando che l’iniziativa legislativa si è tradotta in un uso improprio, da parte del Parlamento, del potere legislativo.

Contro la norma avevano proposto ricorso la Regione Campania, la Regione Molise e la Regione Lazio, denunciando tra l’altro l’arbitrarietà della previsione.