Carenza di sangue in Irpinia: l’appello di Progetto Rosso

L’Irpinia è in emergenza sangue e i giovani non stanno a guardare. Dopo l’appello dell’azienda ospedaliera Moscati di qualche giorno fa, è partita la campagna di sensibilizzazione del progetto Rosso.

L’obiettivo è invogliare quanti più cittadini under 30 e non solo, a donare il sangue soprattutto in questo momento di emergenza. In cambio tutti avranno un premio: un cornetto offerto dal bar Mivida di Avellino. Per farlo clicca qui.

Tre giorni fa l’Aorn Moscati di Avellino ha lanciato un appello donazione alla cittadinanza. Il rischio è infatti quello che le scorte finiscano in poco tempo e che quindi non si possano soddisfare le varie richieste di sangue che arrivano dalle strutture pubbliche della provincia e da quelle private convenzionate.

A organizzare l’iniziativa sono stati due avellinesi, Chiara Schettino co-founder del progetto Rosso e Antonio Dello Iaco. Ma come funziona il progetto?

Tramite questo link, i cittadini potranno iscriversi alla piattaforma Rosso come donatori.

I vari utenti riceveranno poi un’assistenza diretta, via mail o whatsapp, da parte degli esperti di Rosso che saranno in costante contatto con loro nei momenti precedenti e successivi alle donazioni. I cittadini potranno così chiedere qualsiasi informazione: da cosa mangiare prima della donazione a come comportarsi al momento del prelievo.

Una volta eseguita la donazione, il cittadino potrà recarsi al bar Mivida in via Dante 10 ad Avellino, dare il proprio nome e cognome e riceverà in cambio un cornetto gratis come segno di ringraziamento.

“L’idea nasce da una mia esperienza personale, rivela Chiara Schettino. Insieme a Daniel Pezzettone e a tanti giovani under 35 abbiamo creato Rosso”.

“Abbiamo sviluppato uno strumento di prenotazione e di messaggistica istantanea. Miglioriamo così l’esperienza utente del donare che ci mette meno tempo per ottenere informazioni su come donare e cosa fare”, spiega Chiara.

“Appena abbiamo letto l’appello del Moscati ci siamo subito attivati per fare la nostra parte, dichiara Antonio Dello Iaco. Ci dispiace si sia arrivato a questo punto così critico”.

“È fondamentale che i cittadini sappiano che con poco più di 10 minuti si possono salvare delle vite. Speriamo di riuscire a dare una mano importante al Moscati e a tutta l’Irpinia”.

“Ringraziamo poi il bar Mivida di Avellino per averci dato la possibilità di rendere la donazione ancora più gustosa. Ora tocca ai cittadini. Prenotatevi e andate a donare!”, conclude il 19enne.

Per maggiori informazioni su come donare il sangue al Moscati di Avellino si può sempre contattare direttamente l’azienda ospedaliera al numero 0825 203250.