Carcere di Ariano, l’Osapp denuncia: “Grave carenza di personale”

Grave carenza di personale” al carcere di Ariano Irpino, l’Osapp sul piede di guerra. Il sindacato denuncia “turni massacranti” a cui è costretto il personale in servizio, “di otto, dieci ore al giorno”. “Non viene neanche pagato interamente lo straordinario richiesto ed obbligato ad effettuare”. Inoltre, “non sempre vengono garantiti i minimi diritti sanciti dal contratto Nazionale del Lavoro, le ferie ed i riposi settimanali”.

Le difficoltà aumentano perché, presso la casa circondariale di Ariano Irpino, “non c’è un locale Nucleo Traduzioni e Piantonamenti”. La segreteria provinciale dell’Osapp, quindi, per tutte le motivazioni esposte, “si riserva a dichiarare lo stato di agitazione e l’astensione della mensa obbligatorio di servizio ad oltranza”.