Caos vaccini, Filomena Sagliocco: “Risultavo nell’elenco di Sant’Angelo dei Lombardi ma non ho ricevuto il messaggio”

La signora Sagliocco Filomena registrata sulla piattaforma per la vaccinazione ha saputo solo da amici che era nella lista del centro vaccinale di Sant’Angelo dei Lombardi, ma siccome non gli è arrivato il messaggio o una chiamata da oltre dieci giorni non si è riuscita a vaccinare e dovrà attendere ancora mettendo a rischio la sua salute.

Nessun messaggio e nessuna chiamata per la vaccinazione da oltre due settimane, nonostante la procedura di registrazione sulla piattaforma sia avvenuta con successo e con tanto di documenti scaricati. A raccontare la sua storia, come tante in questi giorni, è la signora Filomena Sagliocco 66enne residente a Guardia Lombardi (AV). “Ho saputo da alcune amiche che ero stata chiamata dall’elenco nel centro vaccinale di Sant’Angelo dei Lombardi per sottopormi alla inoculazione del vaccino ma purtroppo ero assente, visto che non ho mai ricevuto un messaggio, una chiamata o una email per la convocazione. Il giorno dopo intanto, insieme ad uno dei miei figli, sono stata accompagnata presso il centro vaccinale pensando di poter sopperire alla mancata chiamata rimediando e chiedendo spiegazioni. Il medico presente mi ha risposto che purtroppo io non potevo ricevere il vaccino Pfizer utilizzato quel giorno e che dunque sarei dovuta ritornare. Ma quale giorno? A che ora?. Nessuna risposta, neppure chiamando il numero dedicato della Asl che risulta non attivo, spiega la signora Filomena. Pensavo di essere stata inserita nei giorni successivi nelle famose liste di riserva, sempre con la speranza di essere telefonata, ma a distanza di oltre dieci giorni ancora nulla. Io sono fumatrice ed ho qualche lieve problema respiratorio e soffro di emicrania, per cui sarei una persona, che se contagiata, avrebbe un alto rischio di finire in ospedale e dunque per me potrebbe essere fatale attendere. Proprio per questo sono stata tra le prime persone a prenotarmi sulla piattaforma. Intanto saltando il turno, non per causa mia, mi ha penalizzato perché potevo essere già vaccinata e invece ad oggi non lo sono. Dei cari amici di famiglia di un noto studio legale del Foro di Napoli, stanno ricostruendo ciò che mi è successo, chi avrebbe dovuto chiamarmi e riconvocarmi in serata o il giorno dopo e non lo avrebbe fatto. Si stanno vagliando tutti i documenti, le ordinanze e le disposizioni per verificare tutto ciò, anche perché ci sono dei testimoni. Attendo con fiducia, entro qualche giorno, che le autorità preposte mi comunicano una data certa per la mia vaccinazione, anche se devo attendere dieci o quindi giorni, per carità qui non si vuole scavalcare nessuno me è stato leso un mio diritto. Su quanto mi è successo, lo studio legale di un amico, noto docente universitario di Napoli, sta preparando una dettagliata informativa che sarà inviata alla Procura della Repubblica di Avellino e per conoscenza anche al Presidente della Regione Campania, al Commissario nazionale straordinario per l’Emergenza Covid e al Ministro della Salute. Questa non è una battaglia personale, ma che cerca di fare giustizia per tante altre persone che si sono ritrovate nella mia stessa condizione”. Intanto proprio nei giorni scorsi ci sono state altre denunce e segnalazioni tanto da spingere la Procura della Repubblica di Avellino ad aprire una indagine conoscitiva sulla questione delle vaccinazioni e degli eventuali furbetti.