D’Agostino: “Ho pensato di dare una casa ai nostri tifosi”. Ghirelli: “Verrò alla prima partita, qualsiasi sia la serie…”

Dopo il primo cittadino sono intervenuti il patron Angelo D’Agostino ed il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli: “Credo che il sindaco si sia portato troppo avanti con le date – ha affermato l’imprenditore di Montefalcione – Possiamo prevedere l’inizio dei lavori, ma non la fine”.

Il massimo dirigente dell’Avellino prosegue ancora: “Mi auguro che i numeri possano darci ragione. Ho pensato di dare una casa ai nostri tifosi, l’Avellino lo rappresento io, ma è una parte di ogni singolo tifoso. Abbiamo progettato con un grande architetto, una struttura che definisco monumento quello di una intera provincia. Spero di poter avere prima possibile, i tifosi al nostro fianco, perchè da quando la nostra avventura è iniziata, non abbiamo mai avuto la fortuna di stare con la nostra gente”.
Lo stadio costerà 50 milioni piu’ Iva (ndr).

Questo invece il pensiero di Ghirelli: “Emozione, fiducia e grande speranza. Siamo in una fase di repressione del Paese. Il Covid ci ha tolto tanto. Io sono venuto qui con immensa felicità. Questo il momento di investire. I nuovi stadi si stanno facendo a Barcellona, a Madrid, quindi chi è lungimirante investe in questi momenti. Sono venuto qui quando c’era in atto un fallimento, e sono venuto qui dicendo che per Avellino incontrare il sindaco Festa era una festa”.

Il primo dirigente della massima serie prosegue ancora: “Ne ho viste tante di situazioni e posso dire di aver avuto ragione. Mettere in campo una sinergia tra comune e club non è facile. Con una grande idea, che allarga il campo a quello che è lo sviluppo economico non solo sportivo ma anche territorio e turismo. Questo è un progetto che va oltre Avellino, oltre la Campania, oltre l’Italia. Prometto che verrò alla prima gara ufficiale nel nuovo impianto a prescindere da quale sarà la categoria”.