Boom di separazioni nel 2020 in Italia, colpa del “Lockdown”

Secondo l’Associazione nazionale divorzisti, nel 2020, con il lockdown, c’è stato un aumento annuo delle separazioni.

Sempre secondo l’ente, soltanto nell’anno precedente c’è stato un aumento delle separazioni rispetto al 2019 del 60%. Di queste il 40% sono per infedeltà coniugale, anche virtuale, il 30% per violenza familiare e il 30% altre cause.

“Sono cresciute tantissimo le richieste dovute principalmente alla convivenza forzata”, spiega Matteo Santini, presidente dell’Associazione.

“Un conto è condividere i weekend e le sere – aggiunge il dirigente, un conto è condividere l’intera giornata con tutti i problemi relativi all’emergenza sanitaria: stress sanitario per la malattia, mancanza di lavoro, convivenza con i figli con le difficoltà connesse alla didattica a distanza. Questo comporta un’esplosione emotiva che porta al desiderio di allontanamento e alla richiesta di separazione”.