Bolletta della luce troppo cara? Le possibili soluzioni

In questo periodo gli italiani sono stati costretti a metabolizzare diverse novità, in una situazione che è stata decisiva per la modifica di alcune abitudini quotidiane. Le famiglie hanno infatti riscoperto la vita in casa, un po’ per costrizione e un po’ per necessità, e questo ha ovviamente causato la nascita di una serie di nuove routine, sempre più d’attualità.

In molti, ad esempio, stanno lavorando dalla propria abitazioni, in smart working. Ad ogni modo, tutti hanno sfruttato al massimo le proprie abitazioni, con alcune conseguenze facili da immaginare: i carichi relativi ai consumi energetici sono stati molto alti, con la relativa impennata delle bollette.

Bolletta alta? Ecco cosa controllare

Quando la bolletta si alza, è il caso di drizzare le antenne e di verificare una serie di voci di spesa, così da capire dove si sta sbagliando e come si può. Per prima cosa, si potrebbe notare che la tariffa scelta non è idonea rispetto alle proprie abitudini: in tal caso su siti specializzati è possibile operare un confronto tra le tariffe della luce, per trovarne una che sia in linea con le aspettative.

Detto ciò, bolletta alla mano, conviene verificare se il profilo dell’utente è stato applicato nel modo corretto, perché potrebbero esserci stati degli errori, e in quel caso tutto si risolve inviando un reclamo. In secondo luogo, si consiglia di fare attenzione alle proprie abitudini, che potrebbero non conciliarsi con le tariffe scelte. Un esempio classico è il seguente: la tariffa bioraria, conveniente ma molto costosa quando viene sfruttata male. Inoltre, è bene intervenire anche sugli elettrodomestici, sostituendo i modelli vecchi con apparecchi di classe energetica elevata, per risparmiare sugli sprechi di energia elettrica. Infine, occhio al condizionatore, soprattutto ora che si avvicina l’estate.

Come posticipare le bollette?

Cosa fare se la bolletta è troppo costosa, e se al momento non si riesce a pagarla? È possibile decidere di posticiparla, dato che l’ARERA ha ufficializzato i rinvii delle sospensioni. È una misura che naturalmente si adatta al particolare periodo attuale, con una serie di interventi di emergenza che nascono per dare supporto alle famiglie e alle aziende. Come si posticipa la bolletta, dunque? Bisogna contattare il proprio fornitore e chiedere direttamente a lui, visto che i termini e le condizioni cambiano da azienda ad azienda. Fra i vantaggi della posticipazione delle bollette c’è la possibilità di non dover pagare nessuna mora per il ritardo, insieme agli interessi zero sulle rateizzazioni dei pagamenti delle utenze. Per poter usufruire di queste opzioni bisogna però rientrare in una serie di condizioni, come i consumi non superiori ai 200 mila SMC annui. In ogni caso, si tratta di misure molto interessanti, specialmente per la necessità di risollevarsi dalle difficoltà di questi mesi.