Basket, crolla la Del.Fes. Al Del Mauro passeggia Taranto

I biancoverdi vogliono bissare il successo interno dopo quello contro Cassino. Al Del mauro arriva la Cj Taranto dell’ex Erkmaa.

Ritmi molto alti ad inizio gara, Marra e Spizzichini segnano dalla media distanza, mentre Erkmaa straccia la retina da dietro l’arco (6-6 al 4′). Hassan sblocca i suoi da tre punti ma Taranto si rimette immediatamente avanti con un piazzato di Ponziani, trovato da Erkmaa in no-look (9-10 al 5′). Avellino si affida spesso al gioco sotto canestro di Spizzichini, che non riesce però a superare la marcatura difensiva. I pugliesi approfittano degli errori irpini e cercano l’allungo con un’altra tripla di Erkmaa (11-15) al 7′. La Del Fes non va più a segno se non con un tiro libero: un ennesimo canestro di Erkmaa conclude il quarto per 12-17.

Spizzichini apre la seconda frazione con un appoggio a tabella, a cui segue però la tripla di Carone. Taranto continua così a bombardare da dietro l’arco, due volte con Conti e dieci punti di vantaggio (16-26) al 14′. Gli irpini cercano di rispondere con un paio di canestri della coppia Spizzichini- Mavric, ma la CJ da 3 è semplicemente perfetta (7/8 di squadra). Conti va in contropiede e Hassan cerca lo sfondamento, l’irpino però commette fallo ma si fa male, subendo un brutto colpo al volto che lo lascia dolorante sul parquet per vari minuti. Sarà curato dallo staff medico e portato via in barella. Il primo tempo si conclude quindi sul punteggio di 24-41 in favore degli ospiti.

Agbogan difende aggressivamente e dopo nemmeno due secondi dall’inizio del terzo quarto ruba palla, servendo Basile sotto canestro in contropiede. Il play irpino subisce fallo antisportivo ma riceve anche un forte colpo in testa, che lo costringono al cambio, mandando Cepic alla lunetta che fa 0/2. Nell’azione che segue è bravo Agbogan a segnare dall’arco. Taranto continua però con la sua incredibile serata dai 6.75. I biancoverdi perdono fiducia e si innervosiscono, commettendo spesso falli e sbagliando continuamente negli 1 contro 1 in attacco, sprofondando al 28′ sul meno ventisette. Il terzo quarto termina con il punteggio di 45-64.

L’ultima frazione inizia con due palle perse di Mavric e Basile segno evidente di resa. Avellino continua con la sua difesa aggressiva che spesso però non viene sfruttata, da un facile contropiede per il -16, il passaggio sbagliato di Agbogan vale la palla recuperata da Taranto e il nuovo +20 ospite. Basile torna a subire un colpo al volto, rimanendo a terra per qualche istante, nulla di grave per lui. Il resto del periodo è di puro garbage time, con i ritmi che si abbassano del tutto. La partita si conclude 61-85