Basket, bella vittoria per la Scandone. Travolta Nardò

La Scandone Avellino affronta i pugliesi di Nardò al Pala Del Mauro. Lupi gioco forza obbligati a vincere per consolidare la zona playout. Primo periodo scoppiettante, è Sousa a partire forte, l’ala brasiliana ha messo già a referto 9 degli 11 punti complessivi per i suoi. Per Nardò, Coviello e Fontana sono in striscia (13-15) al 7′. Impatta Sousa, Riccio ancora, firma il nuovo pareggio sul 17 a 17. Poi Stella riporta avanti l’ Edil Frata. Mazzarese al suono della sirena sigla il 19-21 del 10′.

Secondo periodo che si apre con Tirtishinick dalla lunetta, poi altri due di Bartolozzi rilanciano Nardò. Tripla di Fontana. Nardò scappa sul più dieci (19-29) al 13′. Avellino è sprecona, troppi possessi gettati al vento e Coviello è detonante dalla linea dei sei e settantacinque. Bel canestro di Trapani per i lupi. Bomba di Fontana che stasera ha la mano rovente. Timeout Robustelli (23-35) al 16′. Due per Sousa che poi spreca il libero aggiuntivo per il gioco da tre punti. In 17 minuti sono ben 27 i rimbalzi catturati dai granata nel pitturato a cospetto degli 8 di Avellino, questo è decisamente un fattore per gli ospiti. Due per Sousa e timeout per Battistini (29-39) al 18′. Due per Marra che poi si divora un tap-in clamoroso, rimedia Ani a supporto. Otto a zero la forbice aperta in casa Scandone, ancora Marra a referto (35-39) al 19′. Magia di Fontana. Il primo tempo di conclude sul 35 a 41.

Marra ad inzio del terzo quarto, infila la tripla che dimezza il vantaggio irpino, Nardò resta avanti con Dip (38-43) al 21’. Sousa e Marra, dai liberi, riportano i lupi a solo 2 punti dagli avversari, poi l’italo-brasiliano segna il sorpasso, 44-43. Nardò accusa il colpo ed Avellino prova a scappare con la tripla di Marra, ma Fontana risponde puntuale, è 47-46. Inizia la sagra delle triple con protagonisti Sousa e Ani, è ora 53-46. Un’altra tripla di Sousa spinge la Scandone sul più 10, Dip dai liberi accorcia subito le distanze, 58-50. Avellino non molla e, con Sousa e Riccio firmano il minibreak che spingono i lupi sul più 12. Time out Edil Frata. Nardò esce bene dal minuto di sospensione e rientra a meno 9 grazie alla tripla di Coviello, ma la Scandone tiene botta con Mazzarese e con il libero di Sousa, arrivato a seguito del tecnico fischiato alla panchina ospite, è 65-53. Stella prova a scuotere i pugliesi, ma la tripla di Trapani e la transizione coronata da Mraovic fanno volare Avellino anche sul più 15, 70-55. Nel finale di quarto emerge Mazzarese, l’Edil Frata si affida ai liberi di Fontana. Si va all’ultimo riposo sul 72-58.

Monina e Riccio spongono subito Avellino sul più 18. Bartolozzi prova a tenere accesa la speranza dei suoi, 76-60 al 31′. La Scandone continua ad affidarsi a Monina, ma Nardò piazza un break di 0-6 firmato da Coviello e Fontana, Robustelli vuole parlarci su chiamando la sospensione. Monina si macchia del quinto fallo e regala due liberi a Bartolozzi, l’Edil Frata torna così in partita. Costa ridà ossigeno ad Avellino con il canestro del nuovo più 12, poi Ani piazza la tripla dell’82-68 che potrebbe mettere fine al match. Così non è, Nardò recupera cinque punti con Bartolozzi e Stella rifacendosi a meno 9, ma i liberi di Costa tengono la Scandone avanti sul 84-73 al 38’. Fontana sigla la tripla del meno 8 obbligando Robustelli ad un time-out per tenere salde le fila dei suoi. IL ritmo in campo non è positivo, Ani esce per cinque falli. Bartolozzi fa 1/2 dalla lunetta, Riccio tiene i lupi avanti di 9 i luoi 86-77 al 39′. Il finale è di sofferenza ma Avellino riesce a portarla a casa. Termina 87-79.