Bando per le assunzioni Irpiniambiente, non mancano le polemiche

Dopo la prima scrematura sui candidati per il bando delle assunzioni nell’azienda Irpiniambiente ci sono ulteriori polemiche. Il nuovo provvedimento riduce da 13 a 8 gli aspiranti al posto di lavoro come direttore generale. La firma del provvedimento è stata messa da Andrea Maffei. Il suo compito, prima di passare agli incartamenti e
curriculum è quello di verificare il possesso dei requisiti che prevede l’avviso pubblico. Tali requisiti però, hanno escluso vari professionisti che lottavano per il posto.

Tra questi: Giuliano Buonanno, Bianca Corcione, Donato Madaro, Antonio Pio Morcone e Angelo Percopo. Ammessi, invece, Giuliano Caponigro, Fiorentino Di Nardo,
Roberto Lisi, Alberto Manganiello, Armando Masucci, Carmine Montano, Donato Morano e Antonio Sorrentino.
La polemica nasce dall’esclusione dei professionisti che pur avendo un curriculum importante sono stati esclusi pur avendo lauree in discipline come Scienze Politiche, Medicina, Giurisprudenza, Ingegneria. Uno su tutti Donato Madaro che è anche un manager del settore nel casertano e nel Sannio. Lo stesso Percopo è stato già manager
dell’azienda ospedaliera. Il primo, Madaro, è laureato in Economia, il secondo, Percopo, in Sociologia.