Avellino, la Gadit insieme ad un cittadino chiudono un tombino saltato per la pioggia

Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa del Presidente della GADIT (Guardie Ambientali D’Italia) sezione Avellino, Antonio Pepe.

Nella serata del 9 Agosto e, nelle ore che hanno visto la nostra provincia investita da un temporale, un equipaggio del Gadit insieme ad un valoroso cittadino, sono riusciti a chiudere un tombino saltato privo di coperchio in C.da S. Eustachio – Pennini.

Il cittadino, l’Ingegnere Masi insieme alla squadra della Gadit, prontamente si sono adoperati per riposizionare il coperchio del tombino allontanato di circa 30 metri dalla potenza dell’acqua.

L’ACCADUTO

Nella fattispecie, intorno le ore 19.00 un equipaggio della Gadit impegnato in un servizio di vigilanza ambientale, e di monitoraggio della pioggia in transito in C.da S. Eustachio – Pennini, è stato fermato da un cittadino chiedendo aiuto per gestire una situazione di pericolo, lo stesso si presentava per il Signor Masi in evidente difficoltà.
Il Masi, notava un tombino privo di coperchio, evidentemente la forza dell’acqua dettata dalla pioggia impetuosa faceva saltare il coperchio dal manto stradale, lasciando il pozzetto scoperto e pericoloso per gli automobilisti che sopraggiungevano, la stessa forza dell’acqua lo aveva proiettato una trentina di metri avanti. L’Ingegnere Masi, alla vista di ciò , prontamente si prodigava a segnalare ai veicoli che soprangiugevano su quella corsia di marcia, il pericolo imminente per evitare incidenti agli stessi.
In contemporanea giungeva un equipaggio della Gadit che, sotto una pioggia incensante con non poca fatica, riusciva a posizionare il tombino sul pozzetto.
Solo per un caso fortuito e per il senso civico dell’Ingegnere e ancora la prontezza di riflessi del Presidente dalla Gadit Antonio Pepe, hanno fatto si che questa vicenda non abbia portato ne danni e ne incidenti.
Presidente del Gadit Avellino, ringrazia in primis l’Ingegnere sig. Masi per il suo senso civico.